Home > Riviste > Italian Journal of Vascular and Endovascular Surgery > Fascicoli precedenti > Giornale Italiano di Chirurgia Vascolare 2002 March;9(1) > Giornale Italiano di Chirurgia Vascolare 2002 March;9(1):65-80

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

Opzioni di pubblicazione
eTOC
Per abbonarsi
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Estratti
Permessi
Share

 

ARTICOLI ORIGINALI   

Giornale Italiano di Chirurgia Vascolare 2002 March;9(1):65-80

Copyright © 2003 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese, Italiano

Il trattamento chirurgico degli aneurismi dell’aorta toraco-addominale. Nostra esperienza

Odero A., Pirrelli S., Arici V., De Troia A., Lovotti M.

From the Vascular Surgery Division IRCCS Policlinico S. Matteo - Pavia University - Pavia


PDF


Obiettivo. Il trattamento chirurgico degli aneurismi toraco-addominali presenta complicanze immediate e tardive legate alle complicanze d’organo quali l’insufficienza renale, la paraplegia, la MOF.
Metodi. Si è fatto uno studio retrospettivo su 79 pazienti affetti da aneurisma dell’aorta toraco-addominale su un totale di 1.377 aneurismi aortici operati in un periodo di 10 anni. In rapporto all’estensione anatomo-chirurgica i pazienti erano distribuiti nel modo seguente: in 22 casi (28%) si trattava di aneurismi di tipo I, in 31 casi (40%) si trattava di aneurismi tipo II; in 14 casi (18%) si trattava di aneurismi di tipo III, infine in 12 casi (14%) si trattava di aneurismi tipo IV. I casi trattati in urgenza sono stati 20 (25%), dei quali 15 (15,6%) in rottura e 5 (5,2%) in fissurazione. Suddividendo il periodo considerato in 2 sottoperiodi di 5 anni ciascuno (1991-1995: 33 pazienti e 1996-2001: 46 pazienti) la mortalità si è ridotta dal 30% in elezione, nel primo periodo, all’8% del secondo periodo, pur rimanendo la mortalità in urgenza intorno a valori del 60%.
Risultati. Nell’analisi univariata (test χ2 e test U di Mann Whitney) si è osservata un’associazione significativa tra l’outcome operatorio ed il regime di ricovero (p=0,01), sesso femminile (p<0,04), stato ipertensivo preesistente (p=0,03), durata clampaggio (p<0,04).
Conclusioni. In base all’analisi della letteratura ed alla luce della nostra esperienza risulta chiaro come la protezione d’organo in corso di chirurgia ricostruttiva dell’aorta toraco-addominale costituisca un problema assai gravoso in termini di mortalità e di morbidità, nonché aperto ancora ad ampi e risolutivi sviluppi.

inizio pagina