Home > Riviste > Italian Journal of Vascular and Endovascular Surgery > Fascicoli precedenti > Giornale Italiano di Chirurgia Vascolare 1999 June;6(2) > Giornale Italiano di Chirurgia Vascolare 1999 June;6(2):139-58

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

eTOC
Per abbonarsi
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Estratti
Permessi

 

STORIA DELLA CHIRURGIA VASCOLARE: I PERSONAGGI, LE TECNICHE, LE INTUIZIONI   

Giornale Italiano di Chirurgia Vascolare 1999 June;6(2):139-58

Copyright © 2000 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese, Italiano

La patologia aortica nell’opera di Laennec R. T. H.

Argenteri A.

From the Chair of Vascular Surgery University of Pavia, Italy Division of Vascular Surgery, University Centre Clinic Pavia, Italy


PDF


Laennec Renè Theophile Hyacinthe (1816-1826) con Xavier Bichat resta il maggior esponente della nuova medicina clinica basata sull’obiettivano ed osservazione dei sintomi ed alterazioni anatomopatologiche che nel periodo immediatamente seguente la Rivoluzione francese aveva preso corpo con Jean Nicole Corvisart. Lo stetoscopio, la sua più geniale intuizione, ha gettato le basi all’auscultazione che rimane uno degli atti semeiologici di base. Le esperienze di Laennec sull’auscultazione sono frutto della sua opera in due volumi “Traité de l’auscultation médiate et des maladies des poumons et du coeur”. Nel trattato dedicato nel secondo volume all’auscultazione dell’apparato cardiovascolare vengono chiaramente identificati e descritti i soffi presenti su vasi patologici e sulle masse aneurismatiche. È in tale contesto che Laennec descrive e definisce gli aneurismi veri e falsi arrivando, seppur erroneamente, all’identificazione dell’aneurisma aortico dissecante. Oltre l’analisi delle teorie del momento sulla patogenesi dell’aneurisma aortico, vengono esaminate con sorprendente attualità le complicanze dell’aneurisma aortico toracico ed addominale.

inizio pagina