Home > Riviste > Italian Journal of Vascular and Endovascular Surgery > Fascicoli precedenti > Giornale Italiano di Chirurgia Vascolare 1999 March;6(1) > Giornale Italiano di Chirurgia Vascolare 1999 March;6(1):59-66

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

eTOC
Per abbonarsi
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Estratti
Permessi

 

CASI CLINICI   

Giornale Italiano di Chirurgia Vascolare 1999 March;6(1):59-66

Copyright © 2000 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese, Italiano

Aneurisma rotto della biforcazione carotidea e sindrome ipereosinofila idiopatica (Considerazioni su un caso clinico)

Sensi L., Magnoni F., Cattani M. G., Pedrini L.

From the Unità Operativa di Chirurgia Vascolare * Servizio di Anatomia Patologica Ospedale Maggiore C. A. Pizzardi, Bologna, Italy


PDF


Gli aneurismi dell’arteria carotide sono rari e la loro rottura spontanea è da considerarsi un evento straordinario. Gli Autori descrivono il caso di un paziente di 72 anni il cui principale sintomo era una massa latero-cervicale destra pulsante, aumentata di volume negli ultimi quattro giorni. Un eco Doppler, un’angiografia digitalizzata ed una tomografia assiale computerizzata scoprirono un aneurisma rotto della biforcazione carotidea destra. Altre indagini diagnostiche rivelarono un aneurisma dell’aorta addominale ed una sindrome ipereosinofila idiopatica. Sebbene la presenza di aneurismi multipli sia già stata precedentemente descritta associata a svariate e diverse malattie ematologiche, gli Autori ritengono non vi siano altri casi descritti di sindrome ipereosinofila idiopatica ed aneurismi coinvolgenti l’aorta e l’arteria carotide e discutono al riguardo della loro eziologia e della terapia.

inizio pagina