Home > Riviste > Journal of Radiological Review > Fascicoli precedenti > Journal of Radiological Review 2020 November-December;7(6) > Journal of Radiological Review 2020 November-December;7(6):456-67

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

eTOC
Per abbonarsi
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Publication history
Estratti
Permessi
Per citare questo articolo

 

CASE REPORT   

Journal of Radiological Review 2020 November-December;7(6):456-67

DOI: 10.23736/S2723-9284.20.00071-3

Copyright © 2020 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano, Inglese

Descrizione di un raro caso di angiosarcoma atriale destro

Angela TETI 1 , Valentina SETTINO 2, Domenico CONSOLE 2, Valentina CERRA 2, Anna ROTUNDO 2, Domenico LAGANÀ 2

1 Unit of Radiology, Magna Grecia University, Catanzaro, Italy; 2 Division of Radiology, Department of Clinical and Experimental Medicine, Mater Domini University Hospital, Catanzaro, Italy


PDF


Il tumore cardiaco primitivo è una rara patologia con incidenza autoptica dello 0.001-0.03%. Circa un quarto presenta aspetti di malignità e di questi il 95% sono sarcomi. L’esordio clinico che caratterizza i pazienti con tumore cardiaco primitivo è vario, spesso simula patologie cardio-polmonari e la presentazione più frequente è lo scompenso cardiaco. Nei pazienti con sarcoma primitivo ad origine cardiaca la dispnea è il sintomo più comune. In circa l’80% dei casi al momento della diagnosi sono già presenti lesioni metastatiche. Gli organi più coinvolti sono i polmoni ma anche i linfonodi, l’osso, il fegato, il cervello, l’intestino, la milza, i surreni, la pleura, il diaframma, i reni, la tiroide e la cute possono essere colpiti. La chemioterapia e la radioterapia non si sono dimostrate efficaci. La terapia chirurgica aggressiva è palliativa sui sintomi e migliora la sopravvivenza che in media è di circa 11 mesi. Di seguito è riportato il caso di una giovane donna, in apparente stato di buona salute, che accede in Pronto Soccorso per evento lipotimico maggiore con conseguente riscontro di cospicuo versamento pericardico e di una lesione a livello dell’atrio destro che si è rivelata essere un angiosarcoma cardiaco scarsamente differenziato. Il caso è di particolare interesse in quanto presenta alcuni aspetti peculiari in termini di presentazione clinica, comportamento biologico del tumore, comparsa tardiva e localizzazione delle lesioni metastatiche e sopravvivenza. Consente inoltre di evidenziare come l’imaging multimodale giochi un ruolo fondamentale nella diagnosi e nella scelta della strategia terapeutica.


KEY WORDS: Sarcoma; Tumore cardiaco primitivo; Imaging multimodale

inizio pagina