Home > Riviste > Journal of Radiological Review > Fascicoli precedenti > Journal of Radiological Review 2020 November-December;7(6) > Journal of Radiological Review 2020 November-December;7(6):448-51

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

Opzioni di pubblicazione
eTOC
Per abbonarsi
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Publication history
Estratti
Permessi
Share

 

SHORT COMMUNICATION   Free accessfree

Journal of Radiological Review 2020 November-December;7(6):448-51

DOI: 10.23736/S2723-9284.20.00063-1

Copyright © 2020 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano, Inglese

Formazione specialistica in Radiodiagnostica durante la pandemia COVID-19 alla Fondazione Policlinico Universitario A. Gemelli IRCCS di Roma

Pietro TROMBATORE 1 , Francesca GIUBBOLINI 1, Andrea BARTOLO 1, Andrea ROMI 1, Iacopo VALENTE 2, Cesare COLOSIMO 1, 2

1 Sacred Heart Catholic University, Rome, Italy; 2 Unit of Radiology and Neuroradiology, Fondazione Policlinico Universitario A. Gemelli IRCSS, Rome, Italy


PDF


La pandemia COVID-19 sta avendo un impatto significativo sul nostro ospedale universitario, designato come centro di riferimento. Il nostro Dipartimento di Radiologia ha adottato misure severe per far fronte a queste circostanze impreviste: le procedure interventistiche e diagnostiche non urgenti sono state rinviate al fine di focalizzare tutte le risorse verso i pazienti COVID-19. Questi profondi cambiamenti hanno prodotto conseguenze significative sulla pratica quotidiana degli specializzandi e sull’intero programma di formazione specialistica. Per contenere l’infezione e ridurre al minimo l’esposizione al COVID-19, l’accesso degli specializzandi al reparto di Radiodiagnostica è stato limitato ai soli operatori indispensabili. L’attività degli specializzandi è stata ristrutturata con il presupposto di garantire un solo specializzando per ogni macchina radiologica, in modo da consentire postazioni di lavoro distanti almeno 2 metri l’una dall’altra. L’unica eccezione è stata la Radiologia di Pronto Soccorso. Gli specializzandi sono stati riorganizzati in tre gruppi, con una rotazione di tre settimane (una settimana di lavoro e due settimane di riposo). I tre gruppi teoricamente non avrebbero mai interagito fisicamente, evitando così la contaminazione crociata tra i gruppi. La frequenza degli specializzandi presso sedi esterne sia a Roma che fuori dalla regione è stata sospesa per limitare il rischio di diffusione del virus. Pertanto, il COVID-19 potrebbe avere un grave impatto negativo sulla formazione degli specializzandi. L’obiettivo di questo articolo è di descrivere come è cambiato il nostro programma di specializzazione e di fornire alcune proposte per garantire la curva di apprendimento degli specializzandi durante la pandemia COVID-19.


KEY WORDS: Istruzione medica; COVID-19; Coronavirus; Radiologia

inizio pagina