Home > Riviste > Journal of Radiological Review > Fascicoli precedenti > Journal of Radiological Review 2020 November-December;7(6) > Journal of Radiological Review 2020 November-December;7(6):448-51

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

eTOC
Per abbonarsi
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Publication history
Estratti
Permessi

 

SHORT COMMUNICATION   Freefree

Journal of Radiological Review 2020 November-December;7(6):448-51

DOI: 10.23736/S2723-9284.20.00063-1

Copyright © 2020 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano, Inglese

Formazione specialistica in Radiodiagnostica durante la pandemia COVID-19 alla Fondazione Policlinico Universitario A. Gemelli IRCCS di Roma

Pietro TROMBATORE 1 , Francesca GIUBBOLINI 1, Andrea BARTOLO 1, Andrea ROMI 1, Iacopo VALENTE 2, Cesare COLOSIMO 1, 2

1 Sacred Heart Catholic University, Rome, Italy; 2 Unit of Radiology and Neuroradiology, Fondazione Policlinico Universitario A. Gemelli IRCSS, Rome, Italy


PDF


La pandemia COVID-19 sta avendo un impatto significativo sul nostro ospedale universitario, designato come centro di riferimento. Il nostro Dipartimento di Radiologia ha adottato misure severe per far fronte a queste circostanze impreviste: le procedure interventistiche e diagnostiche non urgenti sono state rinviate al fine di focalizzare tutte le risorse verso i pazienti COVID-19. Questi profondi cambiamenti hanno prodotto conseguenze significative sulla pratica quotidiana degli specializzandi e sull’intero programma di formazione specialistica. Per contenere l’infezione e ridurre al minimo l’esposizione al COVID-19, l’accesso degli specializzandi al reparto di Radiodiagnostica è stato limitato ai soli operatori indispensabili. L’attività degli specializzandi è stata ristrutturata con il presupposto di garantire un solo specializzando per ogni macchina radiologica, in modo da consentire postazioni di lavoro distanti almeno 2 metri l’una dall’altra. L’unica eccezione è stata la Radiologia di Pronto Soccorso. Gli specializzandi sono stati riorganizzati in tre gruppi, con una rotazione di tre settimane (una settimana di lavoro e due settimane di riposo). I tre gruppi teoricamente non avrebbero mai interagito fisicamente, evitando così la contaminazione crociata tra i gruppi. La frequenza degli specializzandi presso sedi esterne sia a Roma che fuori dalla regione è stata sospesa per limitare il rischio di diffusione del virus. Pertanto, il COVID-19 potrebbe avere un grave impatto negativo sulla formazione degli specializzandi. L’obiettivo di questo articolo è di descrivere come è cambiato il nostro programma di specializzazione e di fornire alcune proposte per garantire la curva di apprendimento degli specializzandi durante la pandemia COVID-19.


KEY WORDS: Istruzione medica; COVID-19; Coronavirus; Radiologia

inizio pagina