Home > Riviste > Journal of Radiological Review > Fascicoli precedenti > Journal of Radiological Review 2020 September-October;7(5) > Journal of Radiological Review 2020 September-October;7(5):382-7

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

Opzioni di pubblicazione
eTOC
Per abbonarsi
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Publication history
Estratti
Permessi
Per citare questo articolo
Share

 

CASE REPORT   

Journal of Radiological Review 2020 September-October;7(5):382-7

DOI: 10.23736/S2723-9284.20.00045-8

Copyright © 2020 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano, Inglese

Associazione di una fistola coronarica complessa a una fistola artero-venosa sistemica in maratoneta di mezza età: dimostrazione mediante coronarografia-TC

Mario FINAZZO 1 , Cristiana DURANTI 2, Valentina BONO 1, Francesca FINAZZO 2, Domenico MESSANA 2

1 Studio di Radiologia Finazzo, Palermo, Italy; 2 Department of Radiodiagnostics and Interventional Radiology, ARNAS Ospedale Civico, Palermo, Italy



La fistola coronarica è un’anomala comunicazione delle arterie coronarie con le camere cardiache oppure con qualunque segmento del circolo sistemico o polmonare, senza l’interposizione del circolo capillare. Descriviamo un caso di fistola coronaro-polmonare in un corridore di fondo di mezza età, diagnosticata mediante coronarografia-TC. Tale fistola consisteva in una rete vascolare ad origine da entrambe le arterie coronarie e dall’arteria succlavia sinistra con sbocco nel tronco polmonare. Alla fistola coronarica si associava una fistola artero-venosa sostenuta da un’arteria bronchiale ipertrofica e drenata dalla vena cava superiore. Anche se non è raro (5% dei casi) che entrambe le coronarie possano essere tributarie di una fistola coronaro-polmonare, secondo le nostre conoscenze, l’origine dall’arteria succlavia sinistra e l’associazione ad una fistola sistemica non sono state mai segnalate in letteratura. Il caso da noi osservato conferma la validità della coronarografia-TC nella diagnosi di fistola coronarica, in quanto in grado di fornire tutte le informazioni necessarie per una corretta gestione del paziente. La metodica potrebbe inoltre essere impiegata nell’individuazione di soggetti a rischio di eventi cardiovascolari maggiori, tra gli atleti con sintomatologia dubbia, di età adulta, impegnati in corse podistiche di fondo, considerati gli evidenti limiti da parte dell’elettrocardiogramma e della prova da sforzo nell’identificazione di questa classe di pazienti.


KEY WORDS: Fistola arteriovenosa; Angio-tomografia computerizzata; Arteria succlavia; Corsa

inizio pagina