Home > Riviste > Journal of Radiological Review > Fascicoli precedenti > Journal of Radiological Review 2020 September-October;7(5) > Journal of Radiological Review 2020 September-October;7(5):376-81

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

eTOC
Per abbonarsi
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Publication history
Estratti
Permessi
Per citare questo articolo
Share

 

SHORT COMMUNICATION   

Journal of Radiological Review 2020 September-October;7(5):376-81

DOI: 10.23736/S2723-9284.20.00052-X

Copyright © 2020 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano, Inglese

Maschere e filtranti facciali in radiologia: procedura dell’Ospedale Cotugno

Elio BIGNARDI 1 , Alessandra COPPOLA 2, Francesco BACCARO 1, Daniela DE SANTO 1, Rosa FILIPPELLI 1, Cristiana PALUMBO 1, Michele COPPOLA 1

1 Department of Radiology, Cotugno Hospital, AORN “Dei Colli”, Naples, Italy; 2 School of Specialization in Radiology, University of Milan, Milan, Italy


PDF


Uno dei problemi più dibattuti nell’ambito della prevenzione dall’infezione causata dal SARS-CoV2 (Severe Acute RespiratorySyndrome-Coronavirus-2) è l’utilizzo alternativo delle mascherine chirurgiche e dei filtranti facciali FFP2 e FFP3 per la protezione delle vie respiratorie. Lo studio descrive le principali differenze tra le mascherine chirurgiche (presidio medico) e i filtranti facciali (dispositivi di protezione individuale) sottolineando che le prime sono maschere altruistiche, utili per proteggere gli altri da eventuali contaminazioni emesse da chi le indossa mentre i filtranti facciali sono presidi egoistici, utili per proteggere le vie respiratorie di chi le indossa da eventuali contaminazioni in entrata. A causa della elevata contagiosità del virus e al fine di prevenire la possibilità che l’ospedale stesso diventi un cluster di infezione, nella procedura dell’Ospedale Cotugno, sono state messe in atto tutte le misure di prevenzione e protezione alla massima espressione per tutto il personale sanitario. Sin dal Gennaio 2020, dunque dall’inizio della pandemia in corso, sono stati utilizzati esclusivamente i filtranti facciali (minimo FFP2) ai fini della protezione delle vie aeree del personale a contatto dei pazienti infetti tenendo in considerazione anche la possibile via aerea di trasmissione del virus. L’utilizzo delle mascherine chirurgiche è stato limitato ai pazienti infetti al fine di prevenire l’emissione di potenziali patogeni dal portatore ed in precisi ambiti nei rapporti interpersonali tra operatori.


KEY WORDS: SARS-CoV2; COVID-19; Maschere chirurgiche

inizio pagina