Home > Riviste > Journal of Radiological Review > Fascicoli precedenti > Journal of Radiological Review 2020 September-October;7(5) > Journal of Radiological Review 2020 September-October;7(5):376-81

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

Opzioni di pubblicazione
eTOC
Per abbonarsi PROMO
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Publication history
Estratti
Permessi
Per citare questo articolo
Share

 

SHORT COMMUNICATION   

Journal of Radiological Review 2020 September-October;7(5):376-81

DOI: 10.23736/S2723-9284.20.00052-X

Copyright © 2020 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano, Inglese

Maschere e filtranti facciali in radiologia: procedura dell’Ospedale Cotugno

Elio BIGNARDI 1 , Alessandra COPPOLA 2, Francesco BACCARO 1, Daniela DE SANTO 1, Rosa FILIPPELLI 1, Cristiana PALUMBO 1, Michele COPPOLA 1

1 Department of Radiology, Cotugno Hospital, AORN “Dei Colli”, Naples, Italy; 2 School of Specialization in Radiology, University of Milan, Milan, Italy


PDF


Uno dei problemi più dibattuti nell’ambito della prevenzione dall’infezione causata dal SARS-CoV2 (Severe Acute RespiratorySyndrome-Coronavirus-2) è l’utilizzo alternativo delle mascherine chirurgiche e dei filtranti facciali FFP2 e FFP3 per la protezione delle vie respiratorie. Lo studio descrive le principali differenze tra le mascherine chirurgiche (presidio medico) e i filtranti facciali (dispositivi di protezione individuale) sottolineando che le prime sono maschere altruistiche, utili per proteggere gli altri da eventuali contaminazioni emesse da chi le indossa mentre i filtranti facciali sono presidi egoistici, utili per proteggere le vie respiratorie di chi le indossa da eventuali contaminazioni in entrata. A causa della elevata contagiosità del virus e al fine di prevenire la possibilità che l’ospedale stesso diventi un cluster di infezione, nella procedura dell’Ospedale Cotugno, sono state messe in atto tutte le misure di prevenzione e protezione alla massima espressione per tutto il personale sanitario. Sin dal Gennaio 2020, dunque dall’inizio della pandemia in corso, sono stati utilizzati esclusivamente i filtranti facciali (minimo FFP2) ai fini della protezione delle vie aeree del personale a contatto dei pazienti infetti tenendo in considerazione anche la possibile via aerea di trasmissione del virus. L’utilizzo delle mascherine chirurgiche è stato limitato ai pazienti infetti al fine di prevenire l’emissione di potenziali patogeni dal portatore ed in precisi ambiti nei rapporti interpersonali tra operatori.


KEY WORDS: SARS-CoV2; COVID-19; Maschere chirurgiche

inizio pagina