Home > Riviste > Journal of Radiological Review > Fascicoli precedenti > Journal of Radiological Review 2020 May-June;7(3) > Journal of Radiological Review 2020 May-June;7(3):173-84

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

eTOC
Per abbonarsi
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Publication history
Estratti
Permessi
Per citare questo articolo
Share

 

REVIEW   

Journal of Radiological Review 2020 May-June;7(3):173-84

DOI: 10.23736/S2723-9284.20.00025-4

Copyright © 2020 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano, Inglese

Ruolo della radiologia interventistica nella gestione dei sanguinamenti gastrointestinali

Francesco GIURAZZA 1 , Fabio CORVINO 1, Antonio BORZELLI 1, Antonio CORVINO 2, Raffaella NIOLA 1

1 Department of Vascular and Interventional Radiology, Cardarelli Hospital, Naples, Italy; 2 Department of Motor Science and Wellness, Parthenope University, Naples, Italy


PDF


I sanguinamenti gastrointestinali (GI) rappresentano una condizione molto comune nella pratica clinica, con un’incidenza di circa 50-100 casi su 100000 persone, prevalentemente in adulti. Tradizionalmente i sanguinamenti GI vengono suddivisi in alti e bassi, in relazione al legamento del Treitz, i primi sono statisticamente più frequenti. Con l’avvento di nuove tecniche di imaging ed endoscopiche, la maggioranza dei pazienti affetti da sanguinamenti GI è diagnosticata e trattata in maniera appropriata. La radiologia interventistica (RI) è il trattamento di seconda linea nel trattamento dei sanguinamenti GI del tratto gastrointestinale superiore, cioè quando l’esofago-gastro-duodenoscopia non riesce a controllare il sanguinamento, e trattamento di prima linea nei sanguinamenti intestinali inferiori quando la gestione medica è inefficace. Il ruolo di quest’articolo vuole fornire una panoramica sul ruolo della RI nel management dei sanguinamenti GI acuti, focalizzandosi sulle indicazioni, tecniche, outcome e complicanze procedurali. Per dare un’esposizione schematica a questo ampio argomento i sanguinamenti GI sono stati suddivisi in tre sezioni: sanguinamenti GI superiori non variceali, sanguinamenti GI superiori di tipo variceale e sanguinamenti intestinali inferiori.


KEY WORDS: Embolizzazione; Radiologia interventistica; Sanguinamenti gastrointestinali

inizio pagina