Home > Riviste > Journal of Radiological Review > Fascicoli precedenti > Journal of Radiological Review 2020 May-June;7(3) > Journal of Radiological Review 2020 May-June;7(3):173-84

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

eTOC
Per abbonarsi
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Publication history
Estratti
Permessi
Per citare questo articolo

 

REVIEW   

Journal of Radiological Review 2020 May-June;7(3):173-84

DOI: 10.23736/S2723-9284.20.00025-4

Copyright © 2020 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano, Inglese

Ruolo della radiologia interventistica nella gestione dei sanguinamenti gastrointestinali

Francesco GIURAZZA 1 , Fabio CORVINO 1, Antonio BORZELLI 1, Antonio CORVINO 2, Raffaella NIOLA 1

1 Department of Vascular and Interventional Radiology, Cardarelli Hospital, Naples, Italy; 2 Department of Motor Science and Wellness, Parthenope University, Naples, Italy


PDF


I sanguinamenti gastrointestinali (GI) rappresentano una condizione molto comune nella pratica clinica, con un’incidenza di circa 50-100 casi su 100000 persone, prevalentemente in adulti. Tradizionalmente i sanguinamenti GI vengono suddivisi in alti e bassi, in relazione al legamento del Treitz, i primi sono statisticamente più frequenti. Con l’avvento di nuove tecniche di imaging ed endoscopiche, la maggioranza dei pazienti affetti da sanguinamenti GI è diagnosticata e trattata in maniera appropriata. La radiologia interventistica (RI) è il trattamento di seconda linea nel trattamento dei sanguinamenti GI del tratto gastrointestinale superiore, cioè quando l’esofago-gastro-duodenoscopia non riesce a controllare il sanguinamento, e trattamento di prima linea nei sanguinamenti intestinali inferiori quando la gestione medica è inefficace. Il ruolo di quest’articolo vuole fornire una panoramica sul ruolo della RI nel management dei sanguinamenti GI acuti, focalizzandosi sulle indicazioni, tecniche, outcome e complicanze procedurali. Per dare un’esposizione schematica a questo ampio argomento i sanguinamenti GI sono stati suddivisi in tre sezioni: sanguinamenti GI superiori non variceali, sanguinamenti GI superiori di tipo variceale e sanguinamenti intestinali inferiori.


KEY WORDS: Embolizzazione; Radiologia interventistica; Sanguinamenti gastrointestinali

inizio pagina