Home > Riviste > Journal of Radiological Review > Fascicoli precedenti > Journal of Radiological Review 2020 January-February;7(1) > Journal of Radiological Review 2020 January-February;7(1):45-53

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

eTOC
Per abbonarsi
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Publication history
Estratti
Permessi
Per citare questo articolo
Share

 

CASE REPORT   

Journal of Radiological Review 2020 January-February;7(1):45-53

DOI: 10.23736/S2723-9284.20.00250-8

Copyright © 2020 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano, Inglese

Rottura traumatica della tiroide normale in paziente politraumatizzato

Donato MASTRANTUONO , Rita G. SPINELLI, Federica ARABIA, Alda BORRÈ

Unit of Radiology, C.T.O. Department of Diagnostic Imaging and Radiotherapy, CTO Hospital, Città della Salute e della Scienza, Turin, Italy


PDF


Il collo è una regione complessa che comprende importanti strutture dei sistemi vascolare, respiratorio, digestivo, neurologico, muscoloscheletrico ed endocrino. Pertanto, i traumi contusivi e penetranti in questa regione possono avere conseguenze devastanti per il paziente. Per la loro maggiore frequenza e le loro conseguenze neurologiche, le lesioni traumatiche del compartimento muscoloscheletrico, in particolare del rachide cervicale, delle strutture neurologiche e vascolari, hanno da sempre attirato l’attenzione dei radiologi e dei clinici in genere. Nonostante la comprensibile attenzione data a queste strutture, le lesioni traumatiche viscerali del collo, specie quelle a maggiore entità cinetica, possono causare gravi complicanze nell’immediato o nel lungo termine se non diagnosticate e trattate rapidamente; detto ciò, tali lesioni possono essere facilmente trascurate sia dai radiologi che dai clinici. Tra le strutture viscerali del collo, la rottura traumatica della ghiandola tiroide non è evenienza frequente. Tuttavia, può rappresentare una condizione di potenziale emergenza, anche di urgenza, a causa dell’emorragia e conseguente compressione dell’ematoma sulle strutture circostanti. Una grave compressione tracheale, associata a dispnea, può richiedere manovre di emergenza come intubazione e/o evacuazione chirurgica dell’ematoma, la sutura dei vasi arteriosi danneggiati fino all’emi-tiroidectomia. Riportiamo in questo articolo il caso di un soggetto maschio di 50 anni trasportato al Pronto Soccorso del nostro ospedale dopo un incidente stradale, moto contro auto, in sedazione indotta e maschera laringea.


KEY WORDS: Ghiandola tiroidea; Traumi; Emorragia

inizio pagina