Home > Riviste > Journal of Radiological Review > Fascicoli precedenti > Journal of Radiological Review 2020 January-February;7(1) > Journal of Radiological Review 2020 January-February;7(1):45-53

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

eTOC
Per abbonarsi
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Publication history
Estratti
Permessi
Per citare questo articolo

 

CASE REPORT   

Journal of Radiological Review 2020 January-February;7(1):45-53

DOI: 10.23736/S2723-9284.20.00250-8

Copyright © 2020 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano, Inglese

Rottura traumatica della tiroide normale in paziente politraumatizzato

Donato MASTRANTUONO , Rita G. SPINELLI, Federica ARABIA, Alda BORRÈ

Unit of Radiology, C.T.O. Department of Diagnostic Imaging and Radiotherapy, CTO Hospital, Città della Salute e della Scienza, Turin, Italy


PDF


Il collo è una regione complessa che comprende importanti strutture dei sistemi vascolare, respiratorio, digestivo, neurologico, muscoloscheletrico ed endocrino. Pertanto, i traumi contusivi e penetranti in questa regione possono avere conseguenze devastanti per il paziente. Per la loro maggiore frequenza e le loro conseguenze neurologiche, le lesioni traumatiche del compartimento muscoloscheletrico, in particolare del rachide cervicale, delle strutture neurologiche e vascolari, hanno da sempre attirato l’attenzione dei radiologi e dei clinici in genere. Nonostante la comprensibile attenzione data a queste strutture, le lesioni traumatiche viscerali del collo, specie quelle a maggiore entità cinetica, possono causare gravi complicanze nell’immediato o nel lungo termine se non diagnosticate e trattate rapidamente; detto ciò, tali lesioni possono essere facilmente trascurate sia dai radiologi che dai clinici. Tra le strutture viscerali del collo, la rottura traumatica della ghiandola tiroide non è evenienza frequente. Tuttavia, può rappresentare una condizione di potenziale emergenza, anche di urgenza, a causa dell’emorragia e conseguente compressione dell’ematoma sulle strutture circostanti. Una grave compressione tracheale, associata a dispnea, può richiedere manovre di emergenza come intubazione e/o evacuazione chirurgica dell’ematoma, la sutura dei vasi arteriosi danneggiati fino all’emi-tiroidectomia. Riportiamo in questo articolo il caso di un soggetto maschio di 50 anni trasportato al Pronto Soccorso del nostro ospedale dopo un incidente stradale, moto contro auto, in sedazione indotta e maschera laringea.


KEY WORDS: Ghiandola tiroidea; Traumi; Emorragia

inizio pagina