Home > Riviste > Journal of Radiological Review > Fascicoli precedenti > Il Giornale Italiano di Radiologia Medica 2019 Novembre-Dicembre;6(6) > Il Giornale Italiano di Radiologia Medica 2019 Novembre-Dicembre;6(6):563-70

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

eTOC
Per abbonarsi
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Publication history
Estratti
Permessi
Per citare questo articolo

 

PICTORIAL ESSAY   

Il Giornale Italiano di Radiologia Medica 2019 Novembre-Dicembre;6(6):563-70

DOI: 10.23736/S2283-8376.19.00228-6

Copyright © 2019 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano, Inglese

Imaging dei carcinomi squamocellulari dell’orofaringe

Giovanni B. VERRONE 1, Antonio L. ANNESE 1, Eleonora BICCI 1, Michele PIETRAGALLA 2, Cosimo NARDI 2, Francesco MUNGAI 1, Luigi BONASERA 1 , Vittorio MIELE 1

1 Department of Emergency Radiology, Careggi University Hospital, Florence, Italy; 2 Mario Serio Department of Biomedical, Experimental and Clinical Sciences, University of Florence, Florence, Italy


PDF


I tumori squamocellulari dell’orofaringe (OPC) HPV-positivi (HPV+) rappresentano un’entità patologica la cui incidenza è in rapido aumento nonostante una graduale riduzione del consumo di alcol e tabacco nei paesi occidentali. Le sedi tipiche di insorgenza sono la tonsilla palatina e linguale. I carcinomi HPV+ presentano caratteristiche morfologiche, cliniche, istopatologiche e prognostiche differenti rispetto ai tumori HPV-negativi (HPV-) e sono più sensibili ai trattamenti combinati chemio-radioterapici. Pertanto, nella nuova versione del sistema TNM stilata dall’AJCC, le categorie di stadiazione dei tumori HPV positivi differiscono da quelle dei tumori HPV negativi. I tumori HPV+ si presentano più frequentemente con un pattern di crescita di tipo espansivo, margini ben definiti e ridotta tendenza all’invasione dei piani muscolari sottostanti. Le localizzazioni linfonodali locoregionali, che rappresentano spesso la manifestazione clinica di esordio di malattia, hanno tipicamente un aspetto cistico a contenuto omogeneo, margini sottili e profilo regolare, caratteristiche meglio valutabili in RM. Inoltre, le metastasi linfonodali possono essere l’unica localizzazione tumorale evidenziabile clinicamente (T0 in HPV+ o Tx in HPV-; N+). È possibile sospettare la presenza del virus valutando sia la lesione primitiva sia le metastasi linfonodali locoregionali, in particolare in RM.


KEY WORDS: Tumori orofaringei; Tomografia computerizza a raggi X; Risonanza magnetica

inizio pagina