Home > Riviste > Journal of Radiological Review > Fascicoli precedenti > Il Giornale Italiano di Radiologia Medica 2019 Novembre-Dicembre;6(6) > Il Giornale Italiano di Radiologia Medica 2019 Novembre-Dicembre;6(6):547-62

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

eTOC
Per abbonarsi
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Publication history
Estratti
Permessi
Per citare questo articolo

 

PICTORIAL ESSAY   

Il Giornale Italiano di Radiologia Medica 2019 Novembre-Dicembre;6(6):547-62

DOI: 10.23736/S2283-8376.19.00241-9

Copyright © 2019 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano, Inglese

Corpi estranei in radiologia di emergenza: consigli e trucchi

Mariangela DIMARCO, Dario GIAMBELLUCA , Roberto CANNELLA, Giovanni CARUANA, Giuseppe SALVAGGIO, Massimo MIDIRI

Section of Radiological Sciences, Bi.N.D., University of Palermo, Palermo, Italy


PDF


I corpi estranei possono essere frequentemente riscontrati in un contesto di emergenza impiegando diverse tecniche di imaging. La loro visualizzazione mediante l’impiego di differenti tecniche di imaging dipende principalmente dalla composizione o densità degli oggetti. Gli oggetti metallici sono tipicamente radiopachi, così come i corpi estranei fatti di vetro o la maggior parte delle ossa di animali, mentre la maggior parte dei corpi estranei di plastica e di legno e le lische di pesce non sono radiopachi, quindi la loro visualizzazione può essere piuttosto impegnativa. Non è raro che un corpo estraneo possa non essere visualizzato con una tecnica e rilevato con successo con un’altra. Un’anamnesi esaustiva e completa dei pazienti è fondamentale per comprenderne l’origine e per scegliere le modalità più appropriate per la corretta individuazione e diagnosi. Lo scopo di questo manoscritto è descrivere le caratteristiche all’imaging e le insidie diagnostiche nella valutazione dei corpi estranei rilevati incidentalmente in radiologia di emergenza esaminandone le più comuni presentazioni alle diverse tecniche di imaging (radiografia convenzionale, US, TC e RM). Gli autori presentano anche le localizzazioni più comuni dei corpi estranei nei pazienti sottoposti a imaging in pronto soccorso (vie aeree superiori in caso di aspirazione, tratto gastrointestinale in caso di ingestione, sito rettale/vaginale e tessuti molli), con alcuni suggerimenti per fare una diagnosi efficace all’imaging. Inoltre, vengono menzionati anche i corpi estranei chirurgici ritenuti. Il ruolo del radiologo è cruciale nella diagnosi dei corpi estranei in emergenza e nella valutazione del rischio di complicanze che richiedono un intervento urgente.


KEY WORDS: Corpi estranei; Radiografia; Ecografia; Tomografia computerizzata; Risonanza magnetica

inizio pagina