Home > Riviste > Journal of Radiological Review > Fascicoli precedenti > Il Giornale Italiano di Radiologia Medica 2019 Settembre-Ottobre;6(5) > Il Giornale Italiano di Radiologia Medica 2019 Settembre-Ottobre;6(5):496-9

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

eTOC
Per abbonarsi
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Publication history
Estratti
Permessi
Per citare questo articolo

 

CASE REPORT   

Il Giornale Italiano di Radiologia Medica 2019 Settembre-Ottobre;6(5):496-9

DOI: 10.23736/S2283-8376.19.00223-7

Copyright © 2019 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano, Inglese

Fistola duodeno-cavale dopo radioterapia per metastasi retroperitoneale da adenocarcinoma uterino

Nicola CAMISASSI 1 , Umberto G. ROSSI 2, Alessandro VALDATA 2, Francesco PINNA 2, Pierluca TORCIA 3, Maurizio CARIATI 3

1 School of Radiodiagnostics, San Martino University Hospital IRCCS, University of Genoa, Genoa, Italy; 2 Unit of Interventional Radiology, Galliera Hospital, Genoa, Italy; 3 Unit of Interventional and Diagnostics Radiology, Department of Advanced Therapeutic Diagnostic Technologies, ASST Santi Paolo e Carlo, San Carlo Borromeo Hospital, Milan, Italy


PDF


La fistola duodeno-cavale è una rara patologia potenzialmente letale. Tale entità viene riscontrata più comunemente in uomini nella quinta decade di vita e correla con un tasso di mortalità che raggiunge il 40%. Tipicamente si sviluppa in seguito a migrazione di filtri cavali, patologia peptica duodenale correlata a resezione di tumori retroperitoneali in associazione a radioterapia o migrazione transmurale di corpi estranei ingesti. I più comuni segni e sintomi di presentazione sono la sepsi e il sanguinamento gastrointestinale. L’elevata mortalità è stata attribuita alla difficoltà di stabilire una diagnosi che possa orientare in tempi brevi un appropriato intervento terapeutico. La tomografia computerizzata consente una valutazione non invasiva della vena cava inferiore e delle strutture adiacenti e può individuare correttamente la presenza di una fistola duodeno-cavale nell’83% dei casi. Presentiamo di seguito il caso di una paziente donna di 59 anni che ha sviluppato una fistola duodeno-cavale sei mesi dopo radioterapia retroperitoneale per metastasi da adenocarcinoma uterino.


KEY WORDS: Fistola; Radioterapia; Tomografia computerizzata; Adenocarcinoma uterino metastatico

inizio pagina