Home > Riviste > Journal of Radiological Review > Fascicoli precedenti > Il Giornale Italiano di Radiologia Medica 2019 Settembre-Ottobre;6(5) > Il Giornale Italiano di Radiologia Medica 2019 Settembre-Ottobre;6(5):475-9

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

eTOC
Per abbonarsi
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Publication history
Estratti
Permessi
Per citare questo articolo

 

CASE REPORT   

Il Giornale Italiano di Radiologia Medica 2019 Settembre-Ottobre;6(5):475-9

DOI: 10.23736/S2283-8376.19.00215-8

Copyright © 2019 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano, Inglese

Tips and tricks: come riconoscere l’emangioendotelioma epitelioide di fegato e milza

Doriana VERGARA 1 , Maria MATTERA 2, Luca PAZIENZA 3, Filomena URBANO 3, Anna SIMEONE 3

1 Department of Advanced, Biomedical Sciences, Federico II University, Naples, Italy; 2 Department of Radiology, School of Medical Specialties, University of Foggia, Foggia, Italy; 3 Department of Diagnostic Imaging, Casa Sollievo della Sofferenza IRCCS, San Giovanni Rotondo, Foggia, Italy


PDF


L’emangioendoteliama epiteliode è un raro tumore vascolare che origina dalle cellule endoteliali, con un potenziale maligno variabile. Il coinvolgimento epatico è un reperto tipico di questa rara patologia. Al momento della diagnosi la maggior parte dei pazienti risulta asintomatica, senza storia di interessamento epatico o patologia sistemica e la diagnosi di emangioendotelioma epitelioide epatico (hepatic epithelioid hemangioendothelioma, HEHE) è effettuata dopo il riscontro, per lo più occasionale, di una lesione epatica. Anche se la conferma diagnostica richiede sempre l’immunoistochimica e l’analisi istologica, le indagini radiologiche possono essere utili nell’orientare la diagnosi precoce di questo raro tumore. A questo scopo, vari segni radiologici sono stati identificati (l’halo sign, il target-sign, lo strip-like sign ed il lollipop sign) per facilitare la diagnosi differenziale dell’HEHE da altre lesioni epatiche. Il management di questa rara patologia, specialmente in caso di coinvolgimento multiorgano, è tutt’ora dibattuto.


KEY WORDS: Emangioendotelioma epatico; Fegato; Milza; Tomografia computerizzata; Risonanza magnetica

inizio pagina