Home > Riviste > Journal of Radiological Review > Fascicoli precedenti > Il Giornale Italiano di Radiologia Medica 2019 Settembre-Ottobre;6(5) > Il Giornale Italiano di Radiologia Medica 2019 Settembre-Ottobre;6(5):464-70

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

eTOC
Per abbonarsi
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Publication history
Estratti
Permessi
Per citare questo articolo

 

CASE REPORT   

Il Giornale Italiano di Radiologia Medica 2019 Settembre-Ottobre;6(5):464-70

DOI: 10.23736/S2283-8376.19.00227-4

Copyright © 2019 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano, Inglese

Un caso di sindrome da infiammazione linfocitica cronica con enhancement perivascolare pontino responsivo agli steroidi (CLIPPERS): caratteristiche clinico-radiologiche e potenziale ruolo dell’imaging con tensore di diffusione

Irene GRAZZINI 1 , Silvia PRADELLA 2, Benedetta CALCHETTI 2, Amedeo BIANCHI 2, Gianluca CUNEO 3

1 Department of Radiology, Santa Maria alla Gruccia Hospital, Montevarchi, Arezzo, Italy; 2 Unit of Neurology, Department of Cardiology and Neurology, San Donato Hospital, Arezzo, Italy; 3 Section of Neuroradiology, Department of Radiology, San Donato Hospital, Arezzo, Italy


PDF


La sindrome da infiammazione linfocitica cronica con enhancement perivascolare pontino responsivo agli steroidi (CLIPPERS) è una patologia infiammatoria del sistema nervoso centrale (SNC) che è stata recentemente descritta e si caratterizza per prevalente coinvolgimento del tronco encefalico, in particolare del ponte, e per una risposta favorevole ad alte dosi di corticosteroidi. La patologia ha tipici sintomi clinici e reperti di imaging in risonanza magnetica (RM), con un enhancement puntato e curvilineo a sale e pepe del ponte. Le lesioni radiologicamente sono distribuite nel ponte e nelle strutture romboencefaliche adiacenti: peduncoli cerebellari, cervelletto, bulbo e mesencefalo. Le lesioni inoltre possono interessare anche il midollo spinale cervico-dorsale e le strutture sovratentoriali, come la sostanza bianca cerebrale e i nuclei profondi. La diagnosi di sindrome CLIPPERS è complessa e richiede attenta esclusione di diagnosi alternative, dato che la CLIPPERS costituisce una condizione trattabile e che i pazienti possono trarre beneficio da una precoce introduzione di corticosteroidi. Nel nostro studio riportiamoil caso di una donna di 27 anni con multiple lesioni sottotentoriali con enhancement post-contrastografico, inizialmente diagnosticate come lesioni demielinizzanti da sclerosi multipla. Illustriamo sintomi, reperti di imaging e trattamento, con riferimento alla potenziale applicazione dell’imaging con tensore di diffusione per dimostrare la rarefazione delle fibre cortico-spinali nel ponte, in accordo con il danno strutturale prevalente in tale regione nella sindrome CLIPPERS. Una precoce identificazione in RM e il follow-up radiologico sono importanti per ottimizzare il trattamento.


KEY WORDS: Risonanza magnetica; Imaging con tensore di diffusione; Tronco encefalico; Steroidi

inizio pagina