Home > Riviste > Journal of Radiological Review > Fascicoli precedenti > Il Giornale Italiano di Radiologia Medica 2019 Settembre-Ottobre;6(5) > Il Giornale Italiano di Radiologia Medica 2019 Settembre-Ottobre;6(5):436-42

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

eTOC
Per abbonarsi PROMO
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Publication history
Estratti
Per citare questo articolo

 

ORIGINAL ARTICLE   

Il Giornale Italiano di Radiologia Medica 2019 Settembre-Ottobre;6(5):436-42

DOI: 10.23736/S2283-8376.19.00220-1

Copyright © 2019 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano, Inglese

Embolizzazione endovascolare delle angiodisplasie gastrointestinali: tre anni di esperienza di singolo centro

Milena COPPOLA 1 , Francesco GIURAZZA 2, Fabio CORVINO 2, Francesco PANE 1, Mattia SILVESTRE 2, Raffaella NIOLA 2

1 Department of Advanced Biomedical Sciences, Federico II University, Naples, Italy; 2 Department of Interventional Radiology, Cardarelli Hospital, Naples, Italy


PDF


OBIETTIVO: Le angiodisplasie gastrointestinali (GIA) sono le malformazioni vascolari più frequenti del tratto digestivo, causando fino al 50% delle emorragie occulte gastrointestinali. Quando l’endoscopia fallisce o non può essere effettuata, l’embolizzazione endovascolare rappresenta una valida opzione di trattamento. Scopo di questo studio è quello di riportare l’esperienza di un singolo centro nel trattamento endovascolare delle GIA.
METODI: È stata effettuata un’analisi retrospettiva di nove pazienti affetti da angiodisplasia gastrointestinale e trattati mediante embolizzazione endovascolare, utilizzando diversi agenti embolizzanti (microsferespirali ed embolizzanti liquidi EVOH-based) tra settembre 2016 e dicembre 2018 per sanguinamento acuto e/o melena e/o sangue occulto nelle feci.
RISULTATI: All’esame angiografico, il sanguinamento attivo è stato dimostrato in tre casi (33,3%); nel restante 66,6% sono stati identificati segni indiretti di sanguinamento. È stata eseguita un’embolizzazione superselettiva con microcatetere per ridurre il rischio di complicanze, in particolare l’embolizzazione non target. Il tasso di successo tecnico è stato del 100%, mentre il successo clinico è stato raggiunto in 7 pazienti (77,7%).
CONCLUSIONI: Secondo la nostra esperienza l’embolizzazione endovascolare risulta un approccio sicuro ed efficace per localizzare e controllare il sanguinamento gastrointestinale dovuto alla presenza di un’angiodisplasia. Nei pazienti in cui l’approccio endoscopico fallisce o non può essere applicato, l’embolizzazione endovascolare potrebbe essere considerata un’alternativa valida.


KEY WORDS: Angiodisplasie; Emorragia gastrointestinale; Embolizzazione

inizio pagina