Home > Riviste > Journal of Radiological Review > Fascicoli precedenti > Il Giornale Italiano di Radiologia Medica 2019 Luglio-Agosto;6(4) > Il Giornale Italiano di Radiologia Medica 2019 Luglio-Agosto;6(4):321-7

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

eTOC
Per abbonarsi
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Publication history
Estratti
Permessi
Per citare questo articolo

 

CASE REPORT   

Il Giornale Italiano di Radiologia Medica 2019 Luglio-Agosto;6(4):321-7

DOI: 10.23736/S2283-8376.19.00207-9

Copyright © 2019 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano, Inglese

Embolizzazione di una malformazione artero-venosa sistemico-polmonare secondaria a empyema necessitans da Mycobacterium Tuberculosis

Pietro BOSCARATO 1, Marzia ROSATI 1, Fabio SALVATORI 2, Marco MACCHINI 1 , Salvatore ALBORINO 1, Enrico PACI 1, Roberto CANDELARI 1

1 Unit of Interventional Radiology, Department of Radiology, OORR-Torrette University Hospital, Ancona, Italy; 2 School of Radiology, Polytechnic University of Marche Region, Ancona, Italy


PDF


Le malformazioni arterovenose polmonari sono strutture vascolari atipiche che connettono il circolo polmonare arterioso e quello venoso. Le malformazioni vascolari secondarie ad empiema necessitans post-tubercolare rappresentano una condizione rara. Riportiamo il caso di una donna peruviana di 43 anni con pregressa anamnesi di empiema tubercolare al lobo polmonare superiore sinistro. La paziente si è presentata al nostro Pronto Soccorso per la comparsa di episodi recidivanti di emottisi. È stata eseguita una tomografia computerizzata che ha dimostrato la presenza di una malformazione vascolare al lobo polmonare superiore sinistro. La malformazione artero-venosa (MAV) è stata trattata per via endovascolare in due tempi; durante la prima procedura si è proceduto all’embolizzazione dell’arteria bronchiale superiore sinistra afferente alla malformazione vascolare con agente embolizzante liquido (Onyx™ 34). Successivamente, a causa della recidiva di emottisi, è stato eseguito un secondo trattamento con doppio accesso femorale, arterioso e venoso. Dopo cateterismo dell’arteria polmonare sinistra è stata eseguita l’embolizzazione selettiva dei rami arteriosi polmonari in comunicazione con la MAV mediante spirali a rilascio controllato e spirali a spinta; successivamente è stata eseguita l’embolizzazione dei rami arteriosi sistemici ad origine dall’arteria succlavia sinistra e dalla mammaria omolaterale afferenti alla MAV mediante agente embolizzante liquido (Onyx™ 34) con completa devascolarizzazione della MAV al controllo angiografico finale. Le malformazioni vascolari secondarie a empiema necessitans da tubercolosi rappresentano una condizione complessa e una sfida per il radiologo interventista: d’altra parte, l’approccio endovascolare risulta sicuro ed efficace anche se possono essere richiesti più trattamenti.


KEY WORDS: Malformazioni arterovenose; Empiema tubercolare; Embolizzazione

inizio pagina