Home > Riviste > Journal of Radiological Review > Fascicoli precedenti > Il Giornale Italiano di Radiologia Medica 2019 Luglio-Agosto;6(4) > Il Giornale Italiano di Radiologia Medica 2019 Luglio-Agosto;6(4):301-8

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

eTOC
Per abbonarsi PROMO
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Publication history
Estratti
Per citare questo articolo

 

ORIGINAL ARTICLE   

Il Giornale Italiano di Radiologia Medica 2019 Luglio-Agosto;6(4):301-8

DOI: 10.23736/S2283-8376.19.00211-0

Copyright © 2019 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano, Inglese

Ruolo della risonanza magnetica multiparametrica e della biopsia fusion RM/Eco guidata nei pazienti con tumore della prostata a basso rischio candidati alla sorveglianza attiva

Federica CICCARESE 1 , Caterina GAUDIANO 1, Beniamino CORCIONI 1, Riccardo SCHIAVINA 2, Michelangelo FIORENTINO 3, Francesca GIUNCHI 3, Eugenio BRUNOCILLA 2, Rita GOLFIERI 1

1 Unit of Radiology, Department of Diagnostic and Preventive Medicine, S. Orsola-Malpighi Hospital, Bologna, Italy; 2 Unit of Urology, S. Orsola-Malpighi Hospital, Bologna, Italy; 3 Unit of Pathology, S. Orsola-Malpighi Hospital, Bologna, Italy


PDF


OBIETTIVO: Valutare l’impatto della risonanza magnetica multiparametrica (RMmp) e della biopsia fusion nell’inquadramento dei pazienti con tumore della prostata a basso rischio candidabili alla sorveglianza attiva (SA), al fine di ridurre i casi di sottostadiazione di malattia.
METODI: Tra gennaio 2016 e febbraio 2018 sono state eseguite 97 RMmp in pazienti con indicazione clinica alla SA; i risultati RM sono stati espressi utilizzando lo score PIRADS (Prostate Imaging Reporting and Data System) v2.1. Tra i pazienti con reperti dubbi o sospetti (PIRADS≥3), 26 sono stati sottoposti a biopsia fusion RM/Eco guidata; i risultati istologici sono stati analizzati e correlati al dato RM.
RISULTATI: La RM ha documentato reperti benigni (PIRADS 1-2) in 42/97 pazienti (43.3%), mentre nei restanti 55/97 (56.7%) sono stati riscontrati reperti anomali: 39/97 (40.2%) PIRADS 3, 14/97 (14.4%) PIRADS 4 e 2/97 (2.1%) PIRADS 5. Sono stati sottoposti a biopsia fusion 26 pazienti (17 con PIRADS 3, 7 con PIRADS 4, 2 con PIRADS 5); in 17/26 (65.4%) è stato riscontrato un Gleason Score≥7 ed in particolare in 10/17 (58.8%) dei PIRADS 3, 5/7 (71.4%) dei PIRADS 4 e 2/2 (100%) dei PIRADS 5.
CONCLUSIONI: Più della metà dei pazienti in SA mostra delle anomalie RM ed il rischio di upstaging aumenta al crescere del PIRADS; la biopsia fusion permette di chiarire il significato dei reperti RM, identificando in un’alta percentuale dei casi (65.4%) un tumore della prostata istologicamente più aggressivo. Pertanto, la RM con eventuale biopsia fusion andrebbe proposta in tutti i pazienti in SA per un corretto inquadramento diagnostico.


KEY WORDS: Sorveglianza attiva; Carcinoma prostatico; Risonanza Magnetica; Biopsia target

inizio pagina