Home > Riviste > Journal of Radiological Review > Fascicoli precedenti > Il Giornale Italiano di Radiologia Medica 2019 Maggio-Giugno;6(3) > Il Giornale Italiano di Radiologia Medica 2019 Maggio-Giugno;6(3):213-9

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

eTOC
Per abbonarsi
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Publication history
Estratti
Permessi
Per citare questo articolo

 

CASE REPORT   

Il Giornale Italiano di Radiologia Medica 2019 Maggio-Giugno;6(3):213-9

DOI: 10.23736/S2283-8376.19.00176-1

Copyright © 2019 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano, Inglese

Un rarissimo caso di sindrome di Weston-Hurst pediatrica

Pierluigi LUPO 1 , Guglielmo STICCHI 2, Alfredo PAUCIULO 2, Fernando A. LUPO 2, Alberto GAETA 3, Marco ROSSI 4

1 Unit of Radiodiagnostics, Department of Diangostic Imaging, OO.RR. Ospedali Riuniti di Foggia, Foggia, Italy; 2 Unit of Neuroradiology, Vito Fazzi Hospital, ASL Lecce, Lecce, Italy; 3 Unit of Radiodiagnostics, Giovanni XXIII Hospital, A.U.O. Consorziale Policlinico di Bari, Bari, Italy; 4 Unit of Neurology, Giovanni XXIII Hospital, A.U.O. Consorziale Policlinico di Bari, Bari, Italy


PDF


La leucoencefalopatia acuta emorragica (AHLE) rappresenta una grave e rara malattia demielinizzante, nel gruppo delle ADEM, caratterizzata da un’infiammazione acuta rapidamente progressiva della sostanza bianca, a decorso spesso fulminante. AW, 5 anni, nato a termine, con normale sviluppo psicomotorio, giunge in PS per un riferito episodio critico convulsivo preceduto, alcune settimane prima, da febbre e vomito. Esegue pertanto TC cranio in urgenza con riscontro di multiple aree di ipodensità sopra e sotto tentoriali bilateralmente. La RM dimostrava multiple e diffuse aree di alterato segnale a carico della sostanza bianca, sotto- e sovratentoriali, iso-ipointense in T1 ed iperintense in T2, con cercini di impregnazione dopo MdC, suggestive per lesioni di natura infettivo-infiammatoria. La valutazione infettivologica ed i test parassitologici davano esito negativo a fronte di una leucocitosi con prevalenza dei PMN ed incremento non significativo di PCR e PCT. Il bambino, veniva pertanto sottoposto a terapia con immunoglobuline per via endovenosa, metilprednisolone, aciclovir, terapia antiepilettica ed antibiotica e sottoposto a cicli ripetuti di plasmaferesi. I successivi controlli RM dimostravano miglioramento dei reperti iconografici con pressoché totale risoluzione delle lesioni encefaliche ad un controllo a circa 60 giorni dall’esordio. Il caso dimostra pertanto il ruolo cruciale della RM nella diagnosi tempestiva di un raro caso di Sindrome di Weston-Hurst pediatrica ad evoluzione positiva.


KEY WORDS: Leucoencefalite acuta emorragica; Malattie demielinizzanti; Malattia, gestione

inizio pagina