Home > Riviste > Journal of Radiological Review > Fascicoli precedenti > Il Giornale Italiano di Radiologia Medica 2019 Maggio-Giugno;6(3) > Il Giornale Italiano di Radiologia Medica 2019 Maggio-Giugno;6(3):204-12

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

eTOC
Per abbonarsi
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Publication history
Estratti
Permessi
Per citare questo articolo

 

ORIGINAL ARTICLE   

Il Giornale Italiano di Radiologia Medica 2019 Maggio-Giugno;6(3):204-12

DOI: 10.23736/S2283-8376.19.00173-6

Copyright © 2019 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano, Inglese

La tomografia computerizzata multidetettore con algoritmo di riduzione degli artefatti metallici a singola energia nelle complicanze delle protesi di anca e ginocchio. Esperienza preliminare

Mario FINAZZO 1 , Cristiana DURANTI 2, Giuseppe PERITORE 2, Francesca FINAZZO 2, Domenico MESSANA 2

1 Radiology Firm, Finazzo S.r.l., Palermo, Italy; 2 Unit of Radiology, ARNAS Civico Di Cristina Benfratelli, Palermo, Italy


PDF


OBIETTIVO: L’obiettivo dello studio è stato di valutare l’impiego della tomografia computerizzata (TC) a 160 strati con algoritmo di riduzione degli artefatti metallici a singola energia (SEMAR) nella ricerca e caratterizzazione delle principali complicanze delle protesi di anca e ginocchio.
METODI: Sono stati studiati 18 pazienti (12 con protesi di anca e 6 con protesi di ginocchio). Le protesi di anca erano 12 artroprotesi (un paziente presentava doppia protesi di anca) e 1 endoprotesi. Le protesi del ginocchio erano 5 totali e 1 mono-compartimentale. È stata utilizzata una TC 160 strati - 80 detettori da 0,5 mm - (Canon Aquilion Prime 160) con metodo di ricostruzione iterativo (AIDR 3D) e algoritmo SEMAR. È stata valutata la qualità delle immagini per la visualizzazione dell’osso e delle parti molli peri-protesiche. Sono state inoltre ricercate nelle stesse sedi possibili complicanze.
RISULTATI: Le immagini della protesi, dell’osso, dell’interfaccia protesi-osso e delle parti molli peri-protesiche sono state giudicate di qualità diagnostica in tutti casi. Sono state inoltre osservate in 10/18 pazienti (55%) le seguenti complicanze: mobilizzazione asettica in 6 pazienti (33%); reazione granulomatosa da corpo estraneo in 1 paziente (5,5%); reazione granulomatosa da corpo estraneo con pseudotumor in 1 paziente (5,5%); infezione peri-protesica in 1 paziente (5,5%); frattura della protesi in 1 paziente (5,5%).
CONCLUSIONI: La TC con algoritmo SEMAR consente di visualizzare l’osso e le parti molli periprotesiche e rappresenta un efficace mezzo di diagnosi delle principali complicanze delle protesi di anca e ginocchio.


KEY WORDS: Tomografia computerizzata multidetettore; Sostituzione protesica anca; Sostituzione protesica ginocchio

inizio pagina