Home > Riviste > Journal of Radiological Review > Fascicoli precedenti > Il Giornale Italiano di Radiologia Medica 2019 Maggio-Giugno;6(3) > Il Giornale Italiano di Radiologia Medica 2019 Maggio-Giugno;6(3):191-6

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Publication history
Estratti
Permessi
Per citare questo articolo
Share

 

ORIGINAL ARTICLE   

Il Giornale Italiano di Radiologia Medica 2019 Maggio-Giugno;6(3):191-6

DOI: 10.23736/S2283-8376.19.00193-1

Copyright © 2019 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano, Inglese

Corpi estranei trattenuti nei tessuti molli non rilevabili mediante esame radiografico tradizionale. Utilità degli ultrasuoni nella loro identificazione e rimozione

Chiara M. MORGANO , Marco CALVI, Chiara TAGLIAFERRI, Leonardo CALLEGARI, Eugenio A. GENOVESE

University of Insubria, Ospedale Di Circolo, ASST-Settelaghi, Varese, Italy


PDF


OBIETTIVO: Valutare l’accuratezza diagnostica dell’ecografia nell’identificare i corpi estranei (CE) ritenuti occulti all’esame radiografico tradizionale e dimostrare i vantaggi della scarsa invasività locale della metodica ecografica nella loro rimozione.
METODI: Nel periodo compreso tra Novembre 2016 e Marzo 2018 sono giunti presso il nostro Ospedale 25 pazienti con età media di 49 anni e con sospetto clinico di corpi estranei ritenuti a livello dei tessuti molli, il cui esame radiografico standard, tuttavia, non ne aveva permesso l’identificazione. Tutti i pazienti, pertanto, sono stati sottoposti ad accertamento diagnostico ecografico mediante ecografo Toshiba aplio 500 e sonde lineari da 12 e 17 MHz, tramite il quale sono stati identificati 28 corpi estranei rx-trasparenti. Successivamente, dopo incisione di cute e sottocute mediante bisturi, sono stati rimossi sotto guida ecografica 23 schegge di legno e 5 frammenti di vetro.
RISULTATI: In tutti i pazienti è stato possibile rimuovere con successo i corpi estranei sotto guida ecografica. Non si sono verificate in nessun caso complicanze peri o post-procedurali. Sulla base dei dati ottenuti è stata calcolata la sensibilità (100%), la specificità (96.67), il VPP (96.55) e il VPN (100%) della metodica ecografica per la diagnosi dei corpi estranei ritenuti non riconoscibili all’esame radiografico tradizionale.
CONCLUSIONI: L’ecografia ha mostrato maggiore accuratezza rispetto alla radiografia tradizionale nella diagnosi dei corpi estranei ritenuti nei tessuti molli, e rappresenta l’indagine di prima scelta per la diagnosi e la rimozione dei CE difficili da visualizzare mediante la radiografia di routine.


KEY WORDS: Ultrasonografia; Corpi estranei; Tessuti molli, lesioni

inizio pagina