Home > Riviste > Journal of Radiological Review > Fascicoli precedenti > Il Giornale Italiano di Radiologia Medica 2019 Maggio-Giugno;6(3) > Il Giornale Italiano di Radiologia Medica 2019 Maggio-Giugno;6(3):191-6

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

eTOC
Per abbonarsi
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Publication history
Estratti
Permessi
Per citare questo articolo

 

ORIGINAL ARTICLE   

Il Giornale Italiano di Radiologia Medica 2019 Maggio-Giugno;6(3):191-6

DOI: 10.23736/S2283-8376.19.00193-1

Copyright © 2019 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano, Inglese

Corpi estranei trattenuti nei tessuti molli non rilevabili mediante esame radiografico tradizionale. Utilità degli ultrasuoni nella loro identificazione e rimozione

Chiara M. MORGANO , Marco CALVI, Chiara TAGLIAFERRI, Leonardo CALLEGARI, Eugenio A. GENOVESE

University of Insubria, Ospedale Di Circolo, ASST-Settelaghi, Varese, Italy


PDF


OBIETTIVO: Valutare l’accuratezza diagnostica dell’ecografia nell’identificare i corpi estranei (CE) ritenuti occulti all’esame radiografico tradizionale e dimostrare i vantaggi della scarsa invasività locale della metodica ecografica nella loro rimozione.
METODI: Nel periodo compreso tra Novembre 2016 e Marzo 2018 sono giunti presso il nostro Ospedale 25 pazienti con età media di 49 anni e con sospetto clinico di corpi estranei ritenuti a livello dei tessuti molli, il cui esame radiografico standard, tuttavia, non ne aveva permesso l’identificazione. Tutti i pazienti, pertanto, sono stati sottoposti ad accertamento diagnostico ecografico mediante ecografo Toshiba aplio 500 e sonde lineari da 12 e 17 MHz, tramite il quale sono stati identificati 28 corpi estranei rx-trasparenti. Successivamente, dopo incisione di cute e sottocute mediante bisturi, sono stati rimossi sotto guida ecografica 23 schegge di legno e 5 frammenti di vetro.
RISULTATI: In tutti i pazienti è stato possibile rimuovere con successo i corpi estranei sotto guida ecografica. Non si sono verificate in nessun caso complicanze peri o post-procedurali. Sulla base dei dati ottenuti è stata calcolata la sensibilità (100%), la specificità (96.67), il VPP (96.55) e il VPN (100%) della metodica ecografica per la diagnosi dei corpi estranei ritenuti non riconoscibili all’esame radiografico tradizionale.
CONCLUSIONI: L’ecografia ha mostrato maggiore accuratezza rispetto alla radiografia tradizionale nella diagnosi dei corpi estranei ritenuti nei tessuti molli, e rappresenta l’indagine di prima scelta per la diagnosi e la rimozione dei CE difficili da visualizzare mediante la radiografia di routine.


KEY WORDS: Ultrasonografia; Corpi estranei; Tessuti molli, lesioni

inizio pagina