Home > Riviste > Journal of Radiological Review > Fascicoli precedenti > Il Giornale Italiano di Radiologia Medica 2019 Marzo-Aprile;6(2) > Il Giornale Italiano di Radiologia Medica 2019 Marzo-Aprile;6(2):119-27

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

eTOC
Per abbonarsi
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Publication history
Estratti
Per citare questo articolo

 

CASE REPORT   

Il Giornale Italiano di Radiologia Medica 2019 Marzo-Aprile;6(2):119-27

DOI: 10.23736/S2283-8376.19.00181-5

Copyright © 2019 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano, Inglese

L’encefalite limbica paraneoplastica, una stimolante sfida diagnostica

Silvia STORER , Annalisa MONE, Marco BARILLARI, Giancarlo MANSUETO

Institute of Radiology, G.B. Rossi Hospital, University of Verona, Verona, Italy


PDF


L’encefalite limbica paraneoplastica è un’entità rara caratterizzata da insorgenza subacuta (giorni-12 settimane) di crisi epilettiche, perdita della memoria a breve termine, sintomi psichiatrici correlati a coinvolgimento del sistema limbico. Essa è determinata da una risposta immunitaria T-mediata diretta contro antigeni neoplastici che cross-reagiscono con proteine espresse nel sistema nervoso centrale: antigeni neuronali, sinaptici o superficiali. I tumori più frequentemente associati a essa sono il microcitoma polmonare, il seminoma, il teratoma ovarico e il timoma. I sintomi neurologici spesso possono precedere la diagnosi di tumore, influenzando l’iter terapeutico. Un paziente maschio di 78 anni giunge alla nostra attenzione per esordio subacuto di disorientamento spazio-temporale, deficit mnesici e crisi epilettiche. Esegue tomografia computerizzata (TC) encefalo (negativa per eventi cerebrovascolari acuti) e risonanza magnetica (RM) encefalo con evidenza di iperintensità di segnale T2/FLAIR temporo-mesiale e ippocampale bilaterale. La rachicentesi non mostra alterazioni dello standard liquorale né patogeni batterici o virali; si riscontra positività sierica e liquorale per anticorpi anti-Hu. Nel sospetto di encefalite paraneoplastica, si eseguono tomografia computerizzata a emissione di positroni e TC torace con riscontro di un nodulo spiculato al lobo superiore del polmone destro e interessamento linfonodale omolaterale, con conferma istologica di microcitoma. In pazienti con sintomi neurologici di recente insorgenza, l’utilizzo della RM encefalo consente la diagnosi differenziale con altre patologie, quali cause infettive o metaboliche, e può evidenziare segni di coinvolgimento del sistema limbico suggestivi per encefalite autoimmune, da correlare a presenza di anticorpi antineuronali ed eventuale neoplasia associata, con importante impatto sul percorso diagnostico-terapeutico del paziente.


KEY WORDS: Sindrome paraneoplastica; Encefalite; Risonanza magnetica; Autoanticorpo

inizio pagina