Home > Riviste > Journal of Radiological Review > Fascicoli precedenti > Il Giornale Italiano di Radiologia Medica 2018 Novembre-Dicembre;5(6) > Il Giornale Italiano di Radiologia Medica 2018 Novembre-Dicembre;5(6):793-9

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

eTOC
Per abbonarsi
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Publication history
Estratti
Permessi
Per citare questo articolo

 

REVIEW   

Il Giornale Italiano di Radiologia Medica 2018 Novembre-Dicembre;5(6):793-9

DOI: 10.23736/S2283-8376.18.00138-9

Copyright © 2018 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano

Emorragia acuta post-duodenocefalopancreasectomia: presentazione clinica e gestione endovascolare

Giulia M. DANESINI 1 , Carmine TIMPANI 2, Lorenzo C. PESCATORI 1, Marco TRAMARIN 3, Umberto G. ROSSI 4, Giovanni DAMIANI 3, Maurizio CARIATI 3

1 Scuola di Specializzazione in Radiodiagnostica, Università degli Studi di Milano, Milano, Italia; 2 Ospedale Misericordia di Grosseto, Grosseto, Italia; 3 ASST Santi Paolo e Carlo, Ospedale San Carlo Borromeo, Milano, Italia; 4 Ente Ospedaliero Ospedali Galliera, Genova, Italia


PDF


L’emorragia acuta post-duodenocefalopancreasectomia (DCP) è una complicanza rara, potenzialmente fatale, da trattare in emergenza. La gestione multidisciplinare di questi casi è indispensabile, con il coinvolgimento sincrono di radiologi interventisti, chirurghi e rianimatori. La più temibile complicanza vascolare conseguente a DCP è la formazione di pseudoaneurismi dei vasi viscerali, in particolare a carico dell’arteria gastroduodenale e dell’arteria mesenterica superiore, con alto rischio di rottura e conseguente emorragia massiva. In questi casi la radiologia interventistica svolge un ruolo determinante grazie alle diverse tecniche di embolizzazione endovascolare. Obiettivo di questo articolo è descrivere: 1) i meccanismi fisiopatologici che portano alla formazione di pseudoaneurismi conseguenti ad intervento di DCP; 2) la presentazione clinica dell’emorragia acuta conseguente alla rottura di uno pseudoaneurisma viscerale; 3) le tecniche diagnostiche (multi-detector computed tomography e digital subtraction angiography) utilizzate per effettuare una diagnosi, guidati dal sospetto clinico; 4) in ultimo, le diverse procedure endovascolari utilizzate per escludere lo pseudoaneurisma sanguinante dalla circolazione, fermando lo stato emorragico acuto. L’emorragia acuta come complicanza della DCP per rottura di pseudoaneurisma è un evento raro; quando si verifica è necessario il trattamento endovascolare in emergenza. In questi casi, la radiologia interventistica svolge un ruolo decisivo, consentendo il rapido controllo del sanguinamento, con procedure a minima invasività e che comportano minore morbilità e mortalità rispetto al trattamento chirurgico tradizionale.


KEY WORDS: Interventional radiology - False aneurysm - Hemorrhage - Pancreaticoduodenectomy

inizio pagina