Home > Riviste > Journal of Radiological Review > Fascicoli precedenti > Il Giornale Italiano di Radiologia Medica 2018 Novembre-Dicembre;5(6) > Il Giornale Italiano di Radiologia Medica 2018 Novembre-Dicembre;5(6):743-6

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

eTOC
Per abbonarsi
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Publication history
Estratti
Permessi
Per citare questo articolo

 

CASO CLINICO   

Il Giornale Italiano di Radiologia Medica 2018 Novembre-Dicembre;5(6):743-6

DOI: 10.23736/S2283-8376.18.00122-5

Copyright © 2018 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano

TC multistrato in un raro caso di ascesso del muscolo ileo-psoas da litiasi renale silente

Anna ROTUNDO , Valentina SETTINO, Angela TETI, Domenico LAGANÀ

Unità Operativa di Radiologia, Università “Magna Graecia” di Catanzaro, Catanzaro, Italia


PDF


La pielonefrite cronica su base litiasica, complicata da superinfezione da Proteus Mirabilis, è una condizione infrequente nella pratica clinica; ancor meno frequente è la sua evoluzione in ascesso del muscolo ileo-psoas. Inoltre, spesso, la sintomatologia dell’ascesso del muscolo ileo-psoas è molto aspecifica, e questo non aiuta a raggiungere rapidamente la corretta diagnosi, necessaria per un adeguato e tempestivo trattamento. Il drenaggio chirurgico e il trattamento antibiotico di lunga durata si sono dimostrati fattori indispensabili per garantire la guarigione clinica. Di seguito riportiamo il caso di una paziente donna di 49 anni, con anamnesi patologica silente, che accede in Pronto Soccorso per ingravescente difficoltà alla deambulazione associata ad una tumefazione addominale in corrispondenza dei quadranti di sinistra. Le immagini dell’esame TC dell’addome eseguito prima nelle sole condizioni basali e successivamente con introduzione di mdc iodato in bolo per via endovenosa, mostrano una voluminosa formazione a pareti spesse, con diametro massimo totale di 27 cm circa, in parte liquida, in parte solida con calcificazioni declivi, dotata di potenziamento contrastografico parietale dopo somministrazione di mdc, come da ascesso del muscolo ileo-psoas. Si evidenziano inoltre segni di pielonefrite cronica a sinistra con struttura renale completamente sovvertita. La formazione viene sottoposta a drenaggio percutaneo, dal quale emerge materiale purulento da cui viene isolato un ceppo di Proteus Mirabilis. La paziente viene trattata in prima istanza con terapia antibiotica e, previa valutazione della funzionalità del rene sinistro mediante Uro-TC, è sottoposta a rimozione chirurgica. In conclusione la natura aspecifica della sintomatologia e la bassa incidenza possono non rendere semplice la diagnosi di ascesso del muscolo ileo-psoas; nel caso riportato di seguito a provocare il tutto è stata la condizione di pielonefrite cronica su base litiasica assolutamente misconosciuta. In tale caso un’attenta valutazione clinica e il corretto uso e interpretazione dell’imaging possono consentire di giungere alla corretta diagnosi.


KEY WORDS: Psoas muscles - Pyelonephritis - Tomography, X-ray computed

inizio pagina