Home > Riviste > Journal of Radiological Review > Fascicoli precedenti > Il Giornale Italiano di Radiologia Medica 2018 Luglio-Agosto;5(4) > Il Giornale Italiano di Radiologia Medica 2018 Luglio-Agosto;5(4):615-20

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

eTOC
Per abbonarsi
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Publication history
Estratti
Permessi
Per citare questo articolo

 

SHORT COMMUNICATION   

Il Giornale Italiano di Radiologia Medica 2018 Luglio-Agosto;5(4):615-20

DOI: 10.23736/S2283-8376.18.00085-2

Copyright © 2018 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano

Onyx, un liquido embolizzante per il trattamento delle emorragie periferiche

Marco FEMIA 1, Anna M. IERARDI 2 , Mario PETRILLO 2, Salvatore A. ANGILERI 2, Gianpaolo CARRAFIELLO 3

1 Scuola di Specializzazione in Radiodiagnostica, Università degli Studi di Milano, Milano, Italia; 2 ASST Santi Paolo e Carlo, Ospedale San Paolo, Milano, Italia; 3 Università degli Studi di Milano, ASST Santi Paolo e Carlo, Ospedale San Paolo, Milano, Italia


PDF


Il copolimero di etilene e alcol vinilico, Onyx, è un agente embolizzante sempre più utilizzato nella radiologia interventistica periferica. Onyx è una sostanza embolizzante liquida, non adesiva, non riassorbibile, iniettabile e permanente. Tuttora, Onyx è approvato dalla Food and Drug Administration (FDA) solo per il trattamento di malformazioni artero-venose cerebrali e di aneurismi dei vasi intracranici nell’ambito della neuroradiologia interventistica, sebbene il suo uso stia progressivamente espandendosi nelle procedure di radiologia interventistica periferica sia intra- che, talvolta, extra-vascolare. L’embolizzazione con Onyx è più prevedibile rispetto a quella con altri liquidi embolici in commercio, come le particelle di alcol polivinilico e il N-butil-2-cianoacrilato essendo direttamente visibile; inoltre è possibile avere uno stretto controllo sul processo di embolizzazione in quanto è possibile arrestare e riprendere l’iniezione. Onyx è già stato utilizzato off-label in molteplici situazioni di emergenza (come sanguinamenti gastrointestinali, muscolari, emottisi, ecc.) con risultati soddisfacenti. Inoltre, la formazione di un calco all’interno del vaso che blocca il flusso ematico, rende la formazione del coagulo di secondaria importanza al fine di arrestare l’emorragia e questo risulta molto utile nei pazienti affetti da coagulopatie o in terapia anticoagulante specialmente in situazioni critiche. In sostanza, Onyx sembra avere un buon potenziale nella gestione endovascolare delle emorragie periferiche. L’obiettivo di questo breve articolo è di analizzare i vantaggi dell’utilizzo di Onyx in emergenza sulla base delle evidenze della letteratura recente.


KEY WORDS: Embolization, therapeutic - Hemorrhage - Endovascular procedures - Onyx 18 - Onyx 34

inizio pagina