Home > Riviste > Journal of Radiological Review > Fascicoli precedenti > Il Giornale Italiano di Radiologia Medica 2018 Luglio-Agosto;5(4) > Il Giornale Italiano di Radiologia Medica 2018 Luglio-Agosto;5(4):583-90

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

eTOC
Per abbonarsi
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Publication history
Estratti
Permessi
Per citare questo articolo

 

REVIEW   

Il Giornale Italiano di Radiologia Medica 2018 Luglio-Agosto;5(4):583-90

DOI: 10.23736/S2283-8376.18.00091-8

Copyright © 2018 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano

Virtopsia: lo stato dell’arte e le questioni aperte

Federica FUZZI 1 , Francesco MONTEDURO 1, Milena PASQUALI 1, Francesco BUIA 1, Aldo SPAGNOL 1, Marcello RIDOLFI 1, Mattia GENTILINI 1, Maurizio ZOMPATORI 2

1 Unità Operativa di Radiologia, Dipartimento della Medicina Diagnostica e della Prevenzione, Azienda Ospedaliero-Universitaria Policlinico S. Orsola-Malpighi, Bologna, Italia; 2 Istituto di Radiologia, Ospedale San Giuseppe Multimedica IRCCS, Milano, Italia



La virtopsia rappresenta l’insieme di tutte le tecniche di diagnostica per immagini post-mortem che sono di ausilio alle indagini medico-legali e utilizza la moderna tecnologia di imaging per ottimizzare ed implementare la documentazione dell’autopsia classica. Le metodiche più utilizzate sono la radiologia tradizionale e la TC multistrato; in relazione alla loro ampia disponibilità sul territorio e alla crescente richiesta da parte della medicina legale di afferenza di virtopsie, abbiamo cercato di delineare un flusso procedurale standardizzato e ben definito che possa rispondere alle necessità organizzative e logistiche di un nuovo percorso di virtopsia aziendale-universitario, sancito dalla delibera n. 16870 del 06/09/2017. Previo accordo tra il consulente tecnico medico legale e il medico radiologo referente, la virtopsia si esegue nella radiologia più vicina alla sala autoptica, come ultimo esame della seduta pomeridiana per garantire priorità all’attività assistenziale. La salma, collocata all’interno di un sacco sigillato, viene trasportata, posizionata e rimossa dal lettino radiologico dagli operatori dei Servizi Cimiteriali. La salma è accompagnata dal medico legale, che assiste all’esame e segue le valutazioni preliminari del medico radiologo. Il referto prodotto sarà archiviato nel software gestionale, stampato e consegnato al medico legale che lo allegherà alla relazione autoptica richiesta dalla Procura della Repubblica. La virtopsia necessita di una formazione specifica dei Medici Radiologi sia sull’imaging post-mortem che sulle problematiche medico legali inerenti; la stretta collaborazione avviata con l’istituto della Medicina Legale dell’Università consente un’adeguata crescita culturale dei professionisti dell’equipe dedicata all’imaging post-mortem.


KEY WORDS: Autopsy - Forensic medicine - Diagnostic techniques and procedures - X-ray computed tomography

inizio pagina