Home > Riviste > Journal of Radiological Review > Fascicoli precedenti > Il Giornale Italiano di Radiologia Medica 2018 Maggio-Giugno;5(3) > Il Giornale Italiano di Radiologia Medica 2018 Maggio-Giugno;5(3):408-19

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

eTOC
Per abbonarsi PROMO
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Publication history
Estratti
Permessi
Per citare questo articolo

 

REVIEW  IMAGING INTEGRATO RX-ECO-TC IN TERAPIA INTENSIVA 

Il Giornale Italiano di Radiologia Medica 2018 Maggio-Giugno;5(3):408-19

DOI: 10.23736/S2283-8376.18.00071-2

Copyright © 2018 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano

Imaging integrato in terapia intensiva postneurochirurgica

Chiara ANDREOLI 1, Ginevra DANTI 2 , Diletta COZZI 2, Maria L. DE CICCO 1, Claudio DI BIASI 1, Gianfranco GUALDI 1

1 UOSD Diagnostica per Immagini in Emergenza Urgenza, Azienda Policlinico Umberto I, Roma, Italia; 2 SOD Radiodiagnostica di Emergenza Urgenza, Azienda Ospedaliero Universitaria Careggi, Firenze, Italia


PDF


L’imaging svolge un ruolo essenziale nella valutazione dei pazienti ricoverati in terapia intensiva neurochirurgica e ha lo scopo di riconoscere tempestivamente le eventuali complicanze e di guidare il trattamento. Per saper riconoscere le complicanze, è essenziale conoscere le normali modificazioni postchirurgiche precoci, che modificano l’anatomia del cranio anche in base al tipo di intervento che viene eseguito (foro craniotomico, craniotomia, craniectomia, cranioplastica). Solo conoscendo come l’anatomia cambia dopo l’intervento, saremo in grado di riconoscere le complicanze precoci (pneumoencefalo tensivo, emorragia, ischemia, ascesso, empiema, ernie cerebrali), alcune delle quali estremamente gravi e suscettibili di un re-intervento in emergenza. La tomografia computerizzata (TC) è la metodica che viene utilizzata nell’immediato post-operatorio, grazie alla sua rapidità (estremamente utile considerando che spesso il paziente non è collaborante) e all’elevata sensibilità nel rilevare le complicanze. La risonanza magnetica (RM), invece, viene eventualmente eseguita nei giorni successivi in quanto dotata di una maggiore sensibilità nel rilevare infezioni post-operatorie e complicanze ischemiche arteriose e venose, grazie anche alla sequenza in diffusione (DWI), estremamente affidabile nel rilievo di infezioni e ischemia.


KEY WORDS: Central nervous system - Tomography, X-ray computed - Magnetic resonance imaging - Intensive care units

inizio pagina