Home > Riviste > Journal of Radiological Review > Fascicoli precedenti > Il Giornale Italiano di Radiologia Medica 2018 Marzo-Aprile;5(2) > Il Giornale Italiano di Radiologia Medica 2018 Marzo-Aprile;5(2):263-6

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

eTOC
Per abbonarsi PROMO
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Publication history
Estratti
Per citare questo articolo

 

CASO CLINICO   

Il Giornale Italiano di Radiologia Medica 2018 Marzo-Aprile;5(2):263-6

DOI: 10.23736/S2283-8376.18.00037-2

Copyright © 2018 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano

Un raro caso di sindrome di Caroli

Francesco AGNELLO , Martina MIRODDI, Federico MIDIRI, Massimo GALIA

Sezione di Scienze Radiologiche, Dipartimento di Biopatologia e Biotecnologie Mediche (DIBIMED), Policlinico “Paolo Giaccone”, Università degli Studi di Palermo, Palermo, Italia


PDF


Descriviamo un raro caso di sindrome di Caroli in una donna di 46 anni. Gli esami ematochimici evidenziavamo elevati valori di aspartato transaminasi (AST), alaninoaminotransferasi (ALT), Gamma glutamil transferasi (GGT) e fosfatasi alcalina. L’esame RM dell’addome superiore evidenziava un’alterazione della morfologia epatica con ipertrofia del IV segmento e del lobo sinistro, atrofia del lobo destro e moderata dilatazione delle vie biliari intraepatiche, con aspetto simil-cistico. Le caratteristiche alterazioni della morfologia epatica unitamente alla dilatazione simil-cistica delle vie biliari hanno consentito di formulare la diagnosi di sindrome di Caroli. A causa della presenza dell’aerobilia determinata da un’anastomosi bilio-digestiva, l’indagine RM era stata integrata con una TC eseguita nelle sole condizioni di base che mostrava alcune formazioni litiasiche nel contesto dei rami biliari di sinistra.


KEY WORDS: Caroli disease - Liver Diseases - Hepatic fibrosis, congenital

inizio pagina