Home > Riviste > Journal of Radiological Review > Fascicoli precedenti > Il Giornale Italiano di Radiologia Medica 2018 Marzo-Aprile;5(2) > Il Giornale Italiano di Radiologia Medica 2018 Marzo-Aprile;5(2):257-62

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

eTOC
Per abbonarsi
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Publication history
Estratti
Permessi
Per citare questo articolo

 

CASO CLINICO   

Il Giornale Italiano di Radiologia Medica 2018 Marzo-Aprile;5(2):257-62

DOI: 10.23736/S2283-8376.18.00044-X

Copyright © 2018 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano

Coda di fauno e diastematomielia: un raro marker cutaneo di disrafismo spinale

Carmelo AMATO 1 , Salvatore ROMANO 1, Carmelo SCHEPIS 2

1 Unità Operativa Diagnostica per Immagini e Neuroradiologia, Oasi Research Institute-IRCCS, Troina, Enna, Italia; 2 UOS Dermatologia, Oasi Research Institute-IRCCS, Troina, Enna, Italia


PDF


Dal momento che i tessuti cutanei e nervosi condividono embriogeneticamente la stessa origine ectodermica, le anomalie malformative di tali strutture possono presentarsi simultaneamente. La coda di fauno è una rara forma di ipertricosi lombo-sacrale che si associa frequentemente al disrafismo spinale occulto ed in particolare alla diastematomielia. Gli autori riportano il caso di una bambina di quattro anni, con coda di fauno dalla nascita, nella quale gli opportuni approfondimenti diagnostici rivelavano la presenza di una diastematomielia al passaggio dorso-lombare in associazione con posizione bassa del cono midollare, filum terminale teso, dismorfismo vertebrale e cisti aracnoidea dorsale. A dispetto dei reperti neuroradiologici particolarmente importanti, le indagini neurologiche e ortopediche non riscontravano alterazioni significative. Il precoce riconoscimento di questa condizione è necessario per avviare il corretto iter clinico, allo scopo di prevenire o minimizzare le pericolose complicanze neurologiche ed ortopediche, imputabili alla trazione midollare, che possono presentarsi anche a distanza di tempo.


KEY WORDS: Spinal dysraphism - Neural tube defects - Child

inizio pagina