Home > Riviste > Journal of Radiological Review > Fascicoli precedenti > Il Giornale Italiano di Radiologia Medica 2018 Marzo-Aprile;5(2) > Il Giornale Italiano di Radiologia Medica 2018 Marzo-Aprile;5(2):208-11

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

eTOC
Per abbonarsi
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Publication history
Estratti
Permessi
Per citare questo articolo

 

ARTICOLO ORIGINALE   

Il Giornale Italiano di Radiologia Medica 2018 Marzo-Aprile;5(2):208-11

DOI: 10.23736/S2283-8376.18.00052-9

Copyright © 2018 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano

Vantaggi dell’embolizzazione percutanea dell’arteria renale di rene trapiantato: tre anni di esperienza in un singolo centro

Aldo V. GIORDANO 1, Sergio CARDUCCI 1, Marco VARRASSI 1, Andrea MANCINI 2, Federico BRUNO 2 , Simone QUARCHIONI 2, Carlo MASCIOCCHI 2

1 UOC Radiologia Interventistica e Neuroradiologia, Dipartimento di Tecnologie Pesanti, Ospedale “San Salvatore”, L’Aquila, Italia; 2 Radiologia Diagnostica ed Interventistica, Dipartimento di Scienze Cliniche Applicate e Biotecnologiche, Università degli Studi dell’Aquila, L’Aquila, Italia


PDF


OBIETTIVO: Lo scopo del nostro studio è stato quello di riportare, alla luce dei dati della letteratura, la nostra esperienza di embolizzazione arteriosa, come procedura prechirurgica, nei pazienti con rigetto cronico di trapianto di rene candidati a nefrectomia.
METODI: Abbiamo analizzato retrospettivamente le procedure di embolizzazione arteriosa dell’arteria renale trapiantata di 32 pazienti che nel periodo compreso tra gennaio 2013 e gennaio 2016 sono stati candidati ad espianto per rene trapiantato non funzionante e sindrome da intolleranza al graft.
RISULTATI: Nel 93,7% dei pazienti si è avuto successo tecnico procedurale (completa occlusione della neo-arteria renale). In 2 pazienti (6,3%) non è stata impiantata nessuna spirale per mancato rilievo angiografico della neo-arteria renale o per riscontro di trombosi dell’arteria renale poco dopo l’origine. Non si sono registrate complicanze procedurali maggiori.
CONCLUSIONI: In accordo con i dati della letteratura, il nostro studio dimostra che in pazienti candidati all’espianto per rene trapiantato non funzionante, l’embolizzazione della neoarteria renale rappresenta una procedura mini-invasiva che eseguita preliminarmente all’intervento riduce drasticamente le complicanze emorragiche ed infettive.


KEY WORDS: Embolization, therapeutic - Arteries - Kidney transplantation - Nephrectomy, complications - Radiology, interventional

inizio pagina