Home > Riviste > Journal of Radiological Review > Fascicoli precedenti > Il Giornale Italiano di Radiologia Medica 2018 Marzo-Aprile;5(2) > Il Giornale Italiano di Radiologia Medica 2018 Marzo-Aprile;5(2):178-84

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

eTOC
Per abbonarsi PROMO
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Publication history
Estratti
Per citare questo articolo

 

ARTICOLO ORIGINALE   

Il Giornale Italiano di Radiologia Medica 2018 Marzo-Aprile;5(2):178-84

DOI: 10.23736/S2283-8376.18.00050-5

Copyright © 2018 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano

Lesioni focali atipiche cistiche e simil-cistiche del fegato: valore aggiunto dell’ecografia con mezzo di contrasto a basso indice meccanico con SonoVue®

Antonio CORVINO 1, 2 , Orlando CATALANO 1, Fabio CORVINO 3, Fabio SANDOMENICO 3, Enrico CAVAGLIÀ 4, Antonella PETRILLO 1

1 Università di Napoli Parthenope, Napoli, Italia; 2 Dipartimento ad Attività Integrata di Diagnostica Morfologica e Funzionale, Radioterapia e Medicina Legale, Azienda Ospedaliera Universitaria Federico II, Napoli, Italia; 3 Dipartimento di Radiologia, Istituto Nazionale Tumori, Fondazione Pascale, Napoli, Italia; 4 Dipartimento di Radiologia Vascolare e Interventistica, A.O.R.N. A. Cardarelli, Napoli, Italia


PDF


OBIETTIVO: Obiettivo di questo studio era quello di analizzare il valore aggiunto dell’ecografia con mezzo di contrasto (contrast-enhanced ultrasound, CEUS) nella caratterizzazione delle lesioni focali al fegato (LFF) cistiche e simil-cistiche atipiche all’esame ultrasonografico (ultrasonography, US).
METODI: Da gennaio 2013 al aprile 2016, 48 pazienti con 50 LFF cistiche/simil-cistiche atipiche all’US sono stati sottoposti a CEUS con SonoVue® (Bracco Imaging, Milano). Sono state incluse le lesioni che apparivano all’US anecogene o marcatamente ipoecogene e che mostravano echi interni, assente rinforzo acustico posteriore o entrambe le suddette caratteristiche ecografiche. Le immagini e i cineloops US e CEUS sono stati revisionati in formato digitale (DICOM) su monitor dedicato da due radiologi indipendenti con almeno 5 anni di esperienza in CEUS epatica e non coinvolti in prima persona nell’esecuzione dell’esame US/CEUS. Sensibilità, specificità, valori predittivi, area sotto la curva ROC (Az) e variabilità inter-osservatore sono state calcolate.
RISULTATI: La conferma diagnostica è stata ottenuta con esame isto-patologico da campioni ottenuti da resezione chirurgica (N.=7) o da agobiopsia/biopsia percutanea US-guidata (N.=7), da altre modalità di imaging (N.=16) o da un follow-up di almeno 12 mesi (N.=20). In definitiva, sono state rilevate 24 lesioni cistiche “vere” e 26 lesioni solide simil-cistiche, nello specifico 22 cisti emorragiche, 2 cisti idatidee, 8 emangiomi e 18 metastasi. Complessivamente, gli indici di performance diagnostica calcolati per entrambi i reviewers sono risultati superiori dopo CEUS (P<0,05). L’area sotto la curva ROC (Az) è stata 0,781 vs. 0,972 e 0,734 vs. 0,957 all’US e alla CEUS, rispettivamente per gli osservatori 1 e 2. Inoltre, anche la variabilità inter-osservatore è risultata aumentata, seppure solo lievemente, con valori di k da k=0,894 per l’US a k=0,953 per la CEUS.
CONCLUSIONI: La possibilità di differenziare in maniera non invasiva le lesioni cistiche e simil-cistiche del fegato è estremamente importante, soprattutto perché l’implicazione clinica e le strategie terapeutiche variano notevolmente. A tal proposito, i nostri dati mostrano chiaramente l’utilità della CEUS come strumento di problem-solving nella diagnostica differenziale di questo tipo di lesioni.


KEY WORDS: Ultrasonography - Microbubbles - Contrast media - Liver

inizio pagina