Home > Riviste > Journal of Radiological Review > Fascicoli precedenti > Il Giornale Italiano di Radiologia Medica 2018 Gennaio-Febbraio;5(1) > Il Giornale Italiano di Radiologia Medica 2018 Gennaio-Febbraio;5(1):73-80

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

eTOC
Per abbonarsi PROMO
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Publication history
Estratti
Per citare questo articolo

 

ARTICOLO ORIGINALE   

Il Giornale Italiano di Radiologia Medica 2018 Gennaio-Febbraio;5(1):73-80

DOI: 10.23736/S2283-8376.17.00008-0

Copyright © 2017 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano

Ruolo delle sequenze di risonanza magnetica multiparametrica nella caratterizzazione delle lesioni prostatiche della zona periferica sospette per carcinoma e valore del PI-RADS 3

Eliodoro FAIELLA, Domiziana SANTUCCI , Federico GRECO, Giuseppina PACELLA, Bruno BEOMONTE ZOBEL, Rosario F. GRASSO

Dipartimento di Scienze Radiologiche, Università Campus Bio-Medico di Roma, Roma, Italia


PDF


OBIETTIVO: Valutazione delle diverse sequenze di Risonanza Magnetica multiparametrica (RMmp) nell’identificazione e caratterizzazione delle lesioni sospette per carcinoma prostatico (CaP).
METODI: Sono state analizzate retrospettivamente 96 RMmp (1.5T) e 137 lesioni prostatiche della zona periferica (ZP) sospette per CaP e bioptizzate tramite tecnica di fusione eco-RM. Ogni esame prevedeva sequenze T2, diffusione (DWI/ADC), T1 post-contrastografiche (DCE), e analisi spettroscopica (MRSI). Le lesioni sono state classificate con sistema PI-RADS versione1; le lesioni PI-RADS≥3 sono state bioptizzate e, nel caso di malignità, divise in cinque classi di Gleason. Sono state definite sensibilità, specificità, falsi positivi e falsi negativi per ogni sequenza, includendo ed escludendo nelle lesioni considerate positive, quelle con punteggio di PI-RADS3. L’ANOVA ha correlato il PI-RADS con il Gleason per ogni sequenza. Il test Rho di Spearman ha confrontato il PI-RADS con il risultato istologico (lesioni benigne vs. maligne), e con il Gleason.
RISULTATI: La massima sensibilità era nelle sequenze T2 e DWI (100% e 98%), sia includendo che escludendo PI-RADS3, la massima specificità nelle sequenze post-contrastografiche e spettroscopiche (97% e 100% escludendo il PI-RADS3 e 71% e 98% includendo il PI-RADS3). Vi era correlazione significativa tra T2, DCE e MRSI (P<0,05) e Gleason. Vi era correlazione significativa tra PI-RADS e risultato istologico (P<0,01) per tutte le sequenze, e tra PI-RADS e Gleason per le sequenze T2 e MRSI (P<0,01) e DCE (P<0,05).
CONCLUSIONI: Le sequenze T2 e DWI/ADC rappresentano le migliori sequenze nell’identificazione delle lesioni sospette, (massima sensibilità), successivamente meglio caratterizzabili nelle DCE e MRSI (massima specificità).


KEY WORDS: Magnetic resonance imaging - Prostate - Prostatic neoplasms

inizio pagina