Home > Riviste > Journal of Radiological Review > Fascicoli precedenti > Il Giornale Italiano di Radiologia Medica 2018 Gennaio-Febbraio;5(1) > Il Giornale Italiano di Radiologia Medica 2018 Gennaio-Febbraio;5(1):41-7

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

eTOC
Per abbonarsi
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Publication history
Estratti
Permessi
Per citare questo articolo

 

ARTICOLO ORIGINALE   

Il Giornale Italiano di Radiologia Medica 2018 Gennaio-Febbraio;5(1):41-7

DOI: 10.23736/S2283-8376.17.00016-X

Copyright © 2017 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano

Aspetti clinico-radiologici della panniculite mesenterica

Giuseppe BURAGINA 1 , Gaia SPADARELLA 1, Francesca RIGIROLI 1, Luca A. CARBONARO 2, Pierpaolo BIONDETTI 1, Gianpaolo CARRAFIELLO 3, Alberto MAGENTA BIASINA 3

1 Scuola di Specializzazione in Radiodiagnostica, Università degli Studi di Milano, Milano, Italia; 2 Unità Operativa di Radiologia, IRCCS Policlinico San Donato, San Donato Milanese, Milano, Italia; 3 Unità Operativa di Radiologia Diagnostica e Interventistica, ASST Santi Paolo e Carlo, Presidio Ospedaliero San Paolo, Milano, Italia


PDF


OBIETTIVO: La panniculite mesenterica costituisce una rara forma di infiammazione che coinvolge principalmente il tessuto adiposo mesenterico. L’eziologia rimane tuttora sconosciuta e la malattia è stata associata a varie condizioni come lesioni tumorali, traumi addominali, pregressi interventi chirurgici, malattie autoimmuni e obesità. La panniculite mesenterica può essere suddivisa in panniculite mesenterica propriamente detta, costituita da un’infiammazione e degenerazione dell’adipe mesenterico e panniculite retrattile, principalmente fibrotica e con retrazione delle strutture circostanti. Da un punto di vista radiologico, sono riportati in letteratura due segni principali: il “fat ring sign”, cioè la presenza di adipe normale, non infiammato, intorno a vasi e linfonodi e la pseudocapsula perilesionale.
METODI: Abbiamo identificato 544 casi di panniculite mesenterica, diagnosticati mediante tomografia computerizzata (TC) e/o di risonanza magnetica (RM) in base alla presenza di: 1) aumento della densità dell’adipe mesenterico alla TC o variazione dell’intensità dell’adipe alla RM, con effetto massa sulle strutture circostanti; 2) presenza di vasi e/o linfonodi all’interno della lesione; 3) presenza dei due segni radiologici (fat ring sign e pseudocapsula); 4) presenza di una componente fibrotica importante, determinante retrazione a carico delle strutture circostanti, per definire la forma retrattile.
RISULTATI: Da un punto di vista clinico abbiamo osservato una forte associazione con neoplasie, soprattutto del tratto gastroenterico, pregressi interventi chirurgici e altre patologie addominali come la litiasi renale o malattie infiammatorie.
CONCLUSIONI: A oggi, la panniculite mesenterica risulta una patologia misconosciuta, diagnosticata occasionalmente soprattutto in esami TC eseguiti per altri motivi. Inoltre è molto limitato il numero di studi riguardanti gli aspetti RM di questa patologia. Lo scopo del nostro studio è, pertanto, presentare una descrizione radiologica dettagliata sia TC che RM della panniculite mesenterica con riferimento alle condizioni cliniche ad essa correlate.


KEY WORDS: Panniculitis, peritoneal - Neoplasms - Inflammation - Tomography, X-ray computed - Magnetic resonance imaging

inizio pagina