Home > Riviste > Otorinolaringologia > Fascicoli precedenti > Otorinolaringologia 2010 June;60(2) > Otorinolaringologia 2010 June;60(2):65-80

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

eTOC
Per abbonarsi
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

 

REVIEW  AGGIORNAMENTI IN OTORINOLARINGOLOGIA 

Otorinolaringologia 2010 June;60(2):65-80

Copyright © 2010 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

Aggiornamento sulla gestione dei cancri avanzati del capo e del collo

Wichmann G., Boehm A., Brus J., Horn I. S., Gessner K., Kruber P., Mozet C., Lyutenski S., Dietz A.

Ear, Nose and Throat and Plastic Surgery Department, University Hospital of Leipzig, Leipzig, Germany


PDF


Contrariamente alla maggior parte delle neoplasie maligne, due terzi dei pazienti con cancro del capo e del collo muore a causa di complicanze relative al tumore primitivo o alle recidive locali, in assenza di metastasi a distanza. Di conseguenza il trattamento locale, come ad esempio l’intervento chirurgico e l’irradiazione, rappresentano la modalità principale di intervento terapeutico. I chirurghi che si occupano di cancri del capo e del collo sono orientati prevalentemente a garantire un bilancio tra l’intervento mirato, minimamente ablativo, e la necessità basata sull’evidenza di assicurare un intervento chirurgico accurato, con margini ben definiti. Inoltre, come noto, può essere necessario per il trattamento del carcinoma avanzato a cellule squamose del capo e del collo (head and neck squamous cell carcinoma, HNSCC) prendere in considerazione l’irradiazione adiuvante o (in caso di inoperabilità) in alternativa la chemioirradiazione primaria. Tuttavia, vi è sempre più la tendenza a prendere in considerazione i concetti della terapia multimodale nell’ambito delle opzioni di trattamento applicate routinariamente, anche nel caso di HNSCC avanzati operabili. In questo contesto, per poter fare una valutazione globale e trovare un accordo circa la scelta dell’opzione di trattamento migliore per il singolo paziente con HNSSC, si dovrebbe istituire un gruppo di lavoro interdisciplinare. Questo aspetto è particolarmente importante se correlato alla disponibilità di nuove sostanze e in particolare di quelle che consentono di effettuare terapie mirate. Questo aggiornamento prende in considerazione il retroterra scientifico che dovrebbe guidare il necessario processo decisionale basato sull’evidenza, nonché l’approccio integrato per la gestione e il trattamento dell’HNSSC avanzato. Inoltre in questa review gli autori sottolineano alcuni aspetti diagnostici.

inizio pagina