Home > Riviste > Minerva Urology and Nephrology > Fascicoli precedenti > Minerva Urologica e Nefrologica 2011 June;63(2) > Minerva Urologica e Nefrologica 2011 June;63(2):169-74

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

eTOC
Per abbonarsi
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Estratti
Permessi
Share

 

REVIEW  CONTROVERSIE IN UROLOGIA 

Minerva Urologica e Nefrologica 2011 June;63(2):169-74

Copyright © 2011 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

Nefrectomia laparo-endoscopica attraverso accesso singolo e transvaginale

Candace F. G., Gettman M. T.

Department of Urology, Mayo Clinic, Rochester, MN, USA


PDF


Sono stati compiuti notevoli sforzi nello sviluppo di tecniche chirurgiche mini-invasive per ridurre la morbilità, migliorare la cosmesi e ridurre la convalescenza postoperatoria senza compromettere i risultati chirurgici. L’evoluzione della laparoscopia ha rivoluzionato la nefrectomia semplice, radicale e da donatore in pazienti adeguatamente selezionati, permettendo di condurre l’intervento non più attraverso ampie incisioni addominali e sul fianco bensì attraverso piccole incisioni come “buchi della serratura”. I chirurghi sono alla continua ricerca di approcci innovativi per minimizzare la morbilità delle procedure chirurgiche. La natural orifice translumenal endoscopic surgery elimina completamente la necessità di incisioni addominali (laparoendoscopic single-site, LESS), mentre la chirurgia laparo-endoscopica attraverso accesso singolo permette il posizionamento di diversi strumenti attraverso una singola incisione. Entrambe rappresentano due nuovi approcci sviluppati negli ultimi dieci anni e che sono stati felicemente applicati alla nefrectomia sia in ambito sperimentale sia clinico. In questo articolo, si propone una review degli approcci transvaginale e LESS alla nefrectomia.

inizio pagina