Home > Riviste > Minerva Urology and Nephrology > Fascicoli precedenti > Minerva Urologica e Nefrologica 1999 June;51(2) > Minerva Urologica e Nefrologica 1999 June;51(2):53-5

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

Opzioni di pubblicazione
eTOC
Per abbonarsi
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Estratti
Permessi
Share

 

  NEFROLOGIA
XV CONGRESSO DELLA SOCIETA' ITALIANA DI NEFROLOGIA SEZIONE PIEMONTE-VALLE D'AOSTA
(Verbania, 4 ottobre 1997)
 

Minerva Urologica e Nefrologica 1999 June;51(2):53-5

Copyright © 2000 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano

Prevalenza di positività per anticorpi antiHCV e incidenza di sieroconversione in pazienti in emodialisi

Biamino E., Caligaris F., Ferrero S., Montalcini G., Bongiorno P., Scuvera I.

Regione Piemonte - ASL 19 Asti, Presidio Ospedaliero di Asti, Servizio di Nefrologia e Dialisi *Centro Trasfusionale


PDF


Obiettivo. È stata valutata mediante analisi retrospettiva la prevalenza di positività per anticorpi antiHCV e l’incidenza di sieroconversione in un gruppo di pazienti in trattamento emodialitico sostitutivo presso il nostro ambulatorio di emodialisi dove non vi sono spazi e/o apparecchiature dedicate a pazienti con positività degli anticorpi antiHCV. La finalità è quella di verificare se l’applicazione rigida di precauzioni universali di asepsi, quali sono da sempre adottate nel nostro Servizio, sono sufficienti a impedire il contagio da virus dell’epatite C fra pazienti in dialisi.
Metodi. L’osservazione è stata effettuata su tutti i pazienti in dialisi presso il suddetto ambulatorio (74 pazienti all’inizio dell’osservazione) per un periodo di due anni (7/1995-7/1997). La rilevazione degli anticorpi antiHCV è stata effettuata a cadenza bimestrale con test ELISA di terza generazione e le positività confermate con test RIBA III. All’inizio dell’osservazione i pazienti positivi per anticorpi antiHCV erano 10/74 pari al 13,5%.
Risultati. Durante il periodo preso in esame nessuno dei pazienti negativi per anticorpi antiHCV all’inizio dell’osservazione si è positivizzato; dei pazienti entrati in dialisi dopo il 1/7/1995 quattro erano già positivi per anticorpi antiHCV e nessuno degli altri si è positivizzato.
Conclusioni. L’esperienza conferma che l’applicazione delle precauzioni universali di asepsi può essere sufficiente a impedire la diffusione del virus dell’epatite C nelle sale dialisi.

inizio pagina