Home > Riviste > Minerva Urology and Nephrology > Fascicoli precedenti > Minerva Urologica e Nefrologica 1998 March;50(1) > Minerva Urologica e Nefrologica 1998 March;50(1):9-15

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

Opzioni di pubblicazione
eTOC
Per abbonarsi
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Estratti
Permessi
Share

 

  XIV CONGRESSO DELLA SOCIETA' ITALIANA DI NEFROLOGIA SEZIONE PIEMONTE-VALLE D'AOSTA
(Ivrea, 5 ottobre 1996)
 

Minerva Urologica e Nefrologica 1998 March;50(1):9-15

Copyright © 1998 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano

Accessi vascolari per emodialisi cronica: situazione attuale e nuovi orientamenti in Piemonte

Quarello F. 1, Forneris G. 1, Boero R. 1, Iadarola G. M. 1, Borca M. 1, Salomone M. 2

1 Azienda Regionale USL 4, Ospedale G. Bosco - Torino, Divisione di Nefrologia e Dialisi; 2 Ospedale Farinelli - Torino, Servizio Dialisi


PDF


L’invecchiamento della popolazione in dialisi e l’estensione delle indicazioni ai soggetti anziani e ad alto rischio hanno accentuato i problemi dell’accesso vascolare nell’emodialisi cronica. La situazione è particolarmente critica negli USA, dove un accesso vascolare protesico (PTFE o collagene bovino) è utilizzato in circa il 75% dei casi. Al contrario, in Piemonte, l’accesso più diffuso è la fistola arterovenosa con vasi nativi, utilizzata in quasi il 90% degli uremici cronici. Le FAV radiocefaliche rappresentano il 58% degli accessi vascolari rispetto al 25% di prossimali ed al 9% di protesi, che tendono però gradualmente ad aumentare, man mano che salgono l’età anagrafica e quella dialitica. La tabacchiera anatomica è utilizzata solo nel 3% dei casi ed è in progressiva diminuzione, mentre la superficializzazione della vena basilica (1%), ancorché molto limitata, ha dato in alcuni centri ottimi risultati di sopravvivenza e funzionalità. Ma il tipo di accesso che ha avuto negli ultimi anni una notevole diffusione è l’incannulazione della giugulare interna che, in un’esperienza limitata a 51 cateteri in 47 pazienti, è stata l’accesso definitivo in 28 di essi. È possibile ipotizzarne un impiego routinario nei casi in cui è necessario un periodo in attesa per la maturazione della fistola arterovenosa o durante una sospensione temporanea della dialisi peritoneale. Una sua utilizzazione permanente, visto il notevole impegno gestionale e l’elevato numero di rimozioni del catetere per infezioni sistemiche (9,8%) o dell’ostio cutaneo (13,7%) deve per il momento essere limitata a casi selezionati.

inizio pagina