Home > Riviste > Minerva Urologica e Nefrologica > Fascicoli precedenti > Minerva Urologica e Nefrologica 2008 June;60(2) > Minerva Urologica e Nefrologica 2008 June;60(2):93-103

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

eTOC
Per abbonarsi PROMO
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Estratti
Permessi

 

  URODINAMICA: UN AGGIORNAMENTO 

Minerva Urologica e Nefrologica 2008 June;60(2):93-103

Copyright © 2008 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

Uso della tossina botulinica per il trattamento dei sintomi delle basse vie urinarie

Lucioni A. 1, Reynolds W. S. 1, Rapp D. E. 2, Katz M. 1, Bales G. T. 1

1 Section of Urology, Department of Surgery University of Chicago Medical Center, Chicago, IL, USA 2 Section of Urology, Department of Surgery Virginia Mason Medical Center, Seattle, WA, USA


PDF


Nell’ultimo decennio abbiamo assistito all’emergere della tossina botulinica (botulinum toxin, BTX) nel trattamento di pazienti affetti da vescica iperattiva neurogenetica e idiomatica, refrattari agli antimuscarinici. A seguito del successo di questo trattamento la BTX è stata usata anche per il trattamento di pazienti i cui sintomi del basso tratto urinario erano dovuti a iperplasia prostatica benigna (IPB) o anomalie uretrali dello sfintere. Nonostante questo successo il protocollo per l’iniezione della BTX non è ancora stato standardizzato. Sono al momento in corso numerosi studi per determinare il protocollo migliore da seguire per le iniezioni alla vescica di BTX. L’uso di BTX in pazienti affetti da IPB è, invece, ancora in fase iniziale. Ulteriori studi sono necessari per determinare l’efficacia della BTX anche in questi pazienti.

inizio pagina