Home > Riviste > Minerva Urologica e Nefrologica > Fascicoli precedenti > Minerva Urologica e Nefrologica 2006 March;58(1) > Minerva Urologica e Nefrologica 2006 March;58(1):81-6

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

eTOC
Per abbonarsi
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Estratti
Permessi

 

ARTICOLI ORIGINALI   

Minerva Urologica e Nefrologica 2006 March;58(1):81-6

Copyright © 2006 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano

Trattamento del varicocele in età pediatrica in retroperitoneoscopia, con tecnica “one trocar”; follow-up a lungo termine

Messina M., Zagordo L., Garzi A., Cerigioni E., Di Maggio G., Roggi A., Abate V.

Sezione di Chirurgia Pediatrica Dipartimento di Pediatria, Ostetricia e Medicina della Riproduzione Scuola di Specializzazione in Chirurgia Pediatrica, Siena


PDF


Obiettivo. Il varicocele è una patologia riscontrata nel 6-16% della popolazione maschile pediatrica e adolescenziale. Numerose tecniche sono state proposte per il suo trattamento. Negli ultimi anni si è assistito ad un crescente interesse nell’applicazione delle tecniche laparoscopiche in urologia pediatrica. Gli Autori riportano la propria esperienza, in pazienti pediatrici, nel trattamento del varicocele per via retroeritoneoscopica con un solo trocar, e il relativo follow-up a lungo termine.
Metodi. Quaranta pazienti sono stati trattati per via retroperitoneoscopica per varicocele idiomatico di III grado secondo Horner o di grado inferiore ma sintomatico, e di tipo 1 secondo Coolsaet. I pazienti sono stati sottoposti ad esame clinico ed ecocolor-Doppler sia preoperatoriamente che durante il follow-up.
Risultati. Sono stati valutati: la durata dell’intervento chirurgico, le complicanze intra e postoperatorie, la degenza e la durata della terapia antalgica. Il follow-up è stato condotto a 6, 12, 24 e 36 mesi (media 23,4 mesi). Sono stati valutati i diametri testicolari, la persistenza/recidiva del varicocele e la presenza di idrocele.
Conclusioni. L’approccio retroperitoneoscopico al varicocele rappresenta una valida tecnica per il trattamento del varicocele, in quanto comporta un minor trauma chirurgico, un rapido recupero postoperatorio e un ottimo risultato estetico.

inizio pagina