Home > Riviste > Minerva Urologica e Nefrologica > Fascicoli precedenti > Minerva Urologica e Nefrologica 2005 September;57(3) > Minerva Urologica e Nefrologica 2005 September;57(3):175-97

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

eTOC
Per abbonarsi PROMO
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Estratti
Permessi

 

REVIEWS   

Minerva Urologica e Nefrologica 2005 September;57(3):175-97

Copyright © 2005 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

Virus dell’epatite C in pazienti dializzati cronici

Natov S. N. 1, Pereira B. J. G. 2, 3

1 Northeast Specialty Hospital Braintree, Natick, Stoughton, Waltham, MA, USA 2 Tufts University School of Medicine Boston, MA, USA 3 New England Health Care Foundation


PDF


Da quando il virus dell’epatite C (HCV) è stato clonato, sono stati sviluppati numerosi test sierologici e virologici per scoprirne l’infezione e per migliorare la pratica clinica. Come risultato, sono stati fatti significativi passi in avanti nello studio dell’infezione da HCV nei pazienti con nefropatia in stadio terminale. I pazienti in emodialisi hanno una maggiore incidenza e prevalenza di infezione da HCV rispetto alla popolazione generale. Inoltre, l’infezione da HCV influenza sfavorevolmente la sopravvivenza dei pazienti con nefropatia in stadio terminale. I fattori di rischio per l’infezione da HCV comprendono le numerose trasfusioni di sangue, la durata dell’emodialisi, il tipo di dialisi, la prevalenza dell’infezione da HCV nell’unità di dialisi, il pregresso trapianto d’organo, l’uso di droga per via endovenosa, il sesso maschile, l’età avanzata e la trasmissione nosocomiale dell’HCV nelle unità di emodialisi, che può avvenire quando vi sia una carenza nei protocolli standard per il controllo dell’infezione, la promiscuità con un paziente infetto, la cross-infezione tramite le macchine dialitiche, la non integrità delle membrane dializzatrici o il loro riutilizzo. Le strategie suggerite per controllare la trasmissione dell’HCV nelle unità di emodialisi comprendono la stretta aderenza alle precauzioni universali, una stretta igiene, la sterilizzazione delle macchine dialitiche, l’esecuzione dei test sierologici di routine e la sorveglianza per l’infezione da HCV. La terapia antivirale con interferone alfa viene raccomandata per categorie selezionate di pazienti in emodialisi e per i pazienti candidati al trapianto con infezione da HCV.

inizio pagina