Home > Riviste > Minerva Urologica e Nefrologica > Fascicoli precedenti > Minerva Urologica e Nefrologica 2005 June;57(2) > Minerva Urologica e Nefrologica 2005 June;57(2):99-107

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

eTOC
Per abbonarsi PROMO
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

 

REVIEWS   

Minerva Urologica e Nefrologica 2005 June;57(2):99-107

Copyright © 2005 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

Il recupero di spermatozoi per iniezione intracitoplasmatica di spermatozoi nelle azoospermie non-ostruttive

Colpi G. M. 1, Piediferro G. 1, Nerva F. 1, Giacchetta D. 1, Colpi E. M. 2, Piatti E. 1

1 Andrology Unit, San Paolo Hospital Polo Universitario, Milan, Italy 2 Obstetrics and Gynecology Unit University of Insubria, Varese, Italy


PDF


Il recupero chirurgico di spermatozoi testicolari finalizzato all’iniezione intracitoplasmatica di sperma (intra-cytoplasmic sperm injection, ICSI) rappresenta l’unica possibilità di paternità biologica in caso di azoospermia non ostruttiva (non-obstructive azoospermia, NOA). La positività di un recupero correla solo con l’esame istologico, non con i valori di FSH o con il volume testicolare. Le microdelezioni contemporanee dell’AZFa e dell’AZFb predicono recupero negativo. La TESE (media dei recuperi positivi in letteratura: 52,7%) è la tecnica d’elezione: si sono avuti recuperi positivi nel 100% delle ipospermatogenesi con > 5 spermatidi/tubulo (spd/tub), nell’81,8% delle ipospermatogenesi con <4Spd/tub, nel 50% degli arresti maturativi e nel 25% delle sindromi a sole cellule di Sertoli pure all’istologia. Dalla letteratura si evince che la TESE microchirurgica (mTESE) sembra aumentare i recuperi positivi: dal 16,7-45% della TESE standard al 42,9-63,6% della mTESE, a seconda della distribuzione dell’istologia testicolare nelle varie casistiche studiate; rispettivamente da 9 a 14 casi su 22 nell’unico studio in cui TESE e mTESE sono state effettuate in contemporanea sullo stesso testicolo. Perfezionamenti delle procedure biologiche sui prelievi da TESE possono aumentare i recuperi positivi. La TeFNA non appare indicata nelle NOA, e per i suoi bassi tassi di successo, in pratica positivi solo nelle ipospermatogenesi, e perché incapace di detectare eventuali carcinoma in situ. La chirurgia preliminare di un coesistente varicocele sinistro in soggetti NOA potrebbe aumentare le probabilità di un successivo recupero. La ICSI da TESE ha nelle NOA tassi di gravidanza a termine più bassi che nelle azoospermie ostruttive (obstructive azoospermia, OA) (19% vs 28%). Il tasso di aborto è significativamente più elevato a seguito di ICSI con spermatozoi da NOA (11,5%) che da OA (2,5%) (P=0,001). Pertanto la prognosi di fertilità di una coppia con maschio NOA risulta alquanto inferiore rispetto a una coppia con maschio OA.

inizio pagina