Home > Riviste > Minerva Urologica e Nefrologica > Fascicoli precedenti > Minerva Urologica e Nefrologica 2002 June;54(2) > Minerva Urologica e Nefrologica 2002 June;54(2):93-106

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

eTOC
Per abbonarsi PROMO
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Estratti
Permessi

 

REVIEWS   

Minerva Urologica e Nefrologica 2002 June;54(2):93-106

Copyright © 2002 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

I farmaci anti-virali nella dialisi peritoneale continua ambulatoriale (CAPD)

Izzedine H., Launay-Vacher V., Issad B., Deray G.

From the Department of Nephrology, Pitie Salpetriere Hospital - Paris, France


PDF


La frequenza dei soggetti HIV-positivi nella popolazione sottoposta a trattamento dialitico (emodialisi e dialisi peritoneale) varia dallo 0,13 allo 0,36% in accordo con dati di provenienza, rispettivamente, italiana e francese. La maggior parte dei farmaci utilizzati nella terapia dell’infezione da HIV viene eliminata principalmente per via renale. Nei pazienti affetti da insufficienza renale, è indispensabile un accurato adeguamento della posologia per ottimizzare il carico farmacologico e ridurre il rischio di effetti collaterali. In questo lavoro viene esaminato l’impatto della dialisi peritoneale sulla farmacocinetica dei farmaci antivirali e vengono discusse le raccomandazioni posologiche necessarie per raggiungere l’efficacia terapeutica e evitare effetti tossici nei pazienti affetti da insufficienza renale cronica, sottoposti a dialisi peritoneale continua ambulatoriale (CAPD).

inizio pagina