Home > Riviste > Minerva Urologica e Nefrologica > Fascicoli precedenti > Minerva Urologica e Nefrologica 2001 September;53(3) > Minerva Urologica e Nefrologica 2001 September;53(3):171-7

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

eTOC
Per abbonarsi PROMO
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Estratti
Permessi

 

REVIEW   

Minerva Urologica e Nefrologica 2001 September;53(3):171-7

Copyright © 2001 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano

Ereditarietà e tumori di interesse urologico

Sciarra A., Pastore A. L., Cardi A., Voria G., Di Silverio F.

Università degli Studi «La Sapienza» - Roma Dipartimento di Urologia «U. Bracci»


PDF


La maggior parte dei tumori maligni umani deriva da una successione di più mutazioni su geni regolatori della crescita cellulare. Quindi la trasformazione neoplastica è un evento multistep o a volte multigenico dove più mutazioni devono intervenire. Per alcune neoplasie umane sono state identificate delle forme ereditarie. Nelle forme ereditarie, l’individuo eredita già una o più di queste mutazioni ed assume un rischio aumentato di sviluppare uno specifico carcinoma e ad un’età più precoce. Al contrario, nelle forme sporadiche, il rischio è più basso perché i fattori ambientali devono provocare in sequenza tutte le mutazioni necessarie alla trasformazione neoplastica. Queste mutazioni geniche sono spesso associate alla delezione di geni oncosoppressori che regolano negativamente la proliferazione cellulare e/o alla iper espressione ed attivazione di protoncogeni che favoriscono la proliferazione cellulare. I prodotti di questi geni sono spesso fattori di crescita o recettori di fattori di crescita. In questa review abbiamo voluto analizzare la definizione ed identificazione più o meno provata di forme familiari ed ereditarie nelle neoplasie di interesse urologico.

inizio pagina