Home > Riviste > Minerva Urologica e Nefrologica > Fascicoli precedenti > Minerva Urologica e Nefrologica 2001 June;53(2) > Minerva Urologica e Nefrologica 2001 June;53(2):61-3

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

eTOC
Per abbonarsi PROMO
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Estratti
Permessi

 

ARTICOLI ORIGINALI   

Minerva Urologica e Nefrologica 2001 June;53(2):61-3

Copyright © 2001 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano

Valutazione microbiologica di due diversi protocolli di disinfezione di un nuovo monitor di dialisi dotato di ultrafiltro sul dialisato

Vallero A., Tetta C., Formica M., Pozzato M., Cesano G., Limbarino C., Corsi A., Pizzo L., Quarello F.

Ospedale Giovanni Bosco - Torino Divisione di Nefrologia e Dialisi e Laboratorio di Microbiologia *Dipartimento di Ricerche Cliniche di Laboratorio Bellco - Mirandola


PDF


Obiettivo. I monitor di dialisi sono sede frequente di contaminazione batterica.
Metodi. Nel lavoro sono stati confrontati due metodi di disinfezione di un monitor di dialisi Formula®, Bellco), la disinfezione chimica, termica o associate, mediante esame colturale (UFC) e LAL-test. È stata inoltre valutata la capacità di assorbimento di un ultrafiltro, mediante un test in vitro somministrando concentrazioni crescenti di lipopolisaccaride.
Risultati. I due protocolli di disinfezione utilizzati hanno dato risultati simili in termini di contaminazione batterica, valutata sia come UFC che come LAL-test. Inoltre con il LAL-test, sia cromogenico che gel-clot, si è dimostrato che la performance dell’ultrafiltro si riduce con il suo utilizzo e perde di efficienza dopo un periodo di 200 ore.
Conclusioni. La disinfezione termica fra i turni dialitici, associata alla chimica alla fine della giornata, garantisce la decontaminazione batterica dei monitor al pari della sola disinfezione chimica; il LAL-test è un valido e semplice metodo che può essere utilizzato nei Centri Dialisi per valutare la performance degli ultrafiltri.

inizio pagina