Home > Riviste > Minerva Urologica e Nefrologica > Fascicoli precedenti > Minerva Urologica e Nefrologica 2000 December;52(4) > Minerva Urologica e Nefrologica 2000 December;52(4):207-10

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

eTOC
Per abbonarsi PROMO
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Estratti
Permessi

 

REVIEW   

Minerva Urologica e Nefrologica 2000 December;52(4):207-10

Copyright © 2000 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano

Approccio razionale al paziente con disturbi minzionali da ostruzione cervico-uretrale

Petta S., Aloisi P., Martis G., Iaboni L., Ruo A., Arrighi M.

Università degli Studi «La Sapienza» - Roma Dipartimento di Urologia «U. Bracci»


PDF


L’ipertrofia prostatica benigna rappresenta la causa più frequente di ostruzione cervico-uretrale nell’adulto. Il quadro sintomatologico è complesso e vario comprendendo sintomi sia irritativi che ostruttivi. Molti sono i metodi di valutazione-quantificazione dell’ostruzione da ipertrofia prostatica benigna. Tradizionalmente si ricorre ad una successione di indagini che permettono di identificare i disturbi da alterato riempimento vescicale (LUTS) e quantificare l’entità dell’ostruzione (BOO). Un’analisi dei diversi metodi di valutazione permette, nella maggioranza dei casi, di instaurare la terapia più indicata per il paziente. Scopo di questa revisione critica è quello di identificare la reale validità e specificità di ciascuna metodica in relazione alla possibilità di quantificare il grado di ostruzione cervico-uretrale.

inizio pagina