Home > Riviste > Minerva Surgery > Fascicoli precedenti > Minerva Chirurgica 2003 December;58(6) > Minerva Chirurgica 2003 December;58(6):777-82

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

Opzioni di pubblicazione
eTOC
Per abbonarsi
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Estratti
Permessi
Share

 

REVIEW   

Minerva Chirurgica 2003 December;58(6):777-82

Copyright © 2003 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

Cellular changes in association with defense mechanisms in intra-abdominal sepsis

Pavlidis T. E.


PDF


Malgrado i progressi compiuti, la sepsi intra-addominale è tuttora associata ad elevati tassi di morbidità e di mortalità. Sebbene siano stati compiuti sforzi significativi nel campo della ricerca di base, non è stata ancora ottenuta alcuna applicazione terapeutica.
Il sistema di difesa peritoneale (immunità innata e specifica) rappresenta la prima reazione locale all'infiammazione causata dall'invasione batterica. Essa comprende l'assorbimento linfatico dei batteri, la fagocitosi, l'innesco della risposta infiammatoria e la produzione di linfociti (immunità umorale e cellulare). Anche la formazione della fibrina e la sua degradazione causata dall'attivazione intraperitoneale delle cascate della coagulazione e della fibrinolisi svolgono un ruolo importante in questa risposta locale.
L'endotossina dei batteri Gram-negativi e l'esotossina dei batteri Gram-positivi provocano il rilascio di citochine proinfiammatorie (TNF-a, IL-1 b, IL-6) da parte dei macrofagi. Queste si comportano da mediatori e determinano in prima istanza l'attivazione della sindrome da risposta infiammatoria sistemica (SIRS) ed infine il danno cellulare in presenza di sindrome da disfunzione multiorgano (MODS). Nella compromissione della risposta infiammatoria dell'ospite sono coinvolti due compartimenti funzionali distinti, ma intercomunicanti: il compartimento peritoneale e quello sistemico. La produzione di citochine è presente in entrambi.

inizio pagina