Home > Riviste > Minerva Stomatologica > Fascicoli precedenti > Minerva Stomatologica 2016 August;65(4) > Minerva Stomatologica 2016 August;65(4):239-47

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

eTOC
Per abbonarsi
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Estratti
Permessi
Per citare questo articolo

 

REVIEWS   

Minerva Stomatologica 2016 August;65(4):239-47

Copyright © 2016 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano, Inglese

Correlazione tra II classe scheletrica e problematiche all’articolazione temporo-mandibolare: revisione della letteratura

Giampietro FARRONATO 1, 2, Giuseppe ROSSO 1, 2, Lucia GIANNINI 1, 2, Guido GALBIATI 1, 2, Cinzia MASPERO 1, 2

1 Fondazione IRCCS Ca’ Granda Ospedale Maggiore Policlinico, Milan, Italy; 2 Department of Biomedical, Surgical and Dental Sciences, University of Milan, Milan, Italy


PDF


OBIETTIVO: Lo scopo di questa revisione della letteratura consiste nel valutare le attuali conoscenze circa la relazione esistente tra malocclusione di Classe II di Angle (in particolare della divisione 2) e disfunzioni temporomandibolari (Temporomandibular Disorder, TMD).
ACQUISIZIONE DEI DATI: È stata realizzata una ricerca attraverso il database elettronico Medline, utilizzando criteri di inclusione ed esclusione specifici e le parole chiave “temporomandibular disorder AND malocclusion class II”. Dei 252 articoli risultanti dalla ricerca ne sono stati selezionati 23 che soddisfacevano tutti i criteri di inclusione di questa review.
SINTESI DEI RISULTATI: Gli studi prospettici, longitudinali e retrospettivi analizzati non sostengono in ultima analisi un ruolo primario dell’occlusione, in particolare della malocclusione di Classe II divisione 2, nello sviluppo di problematiche articolari e supportano altresì l’ipotesi di una teoria multifattoriale all’origine di problematiche articolari.
CONCLUSIONI: Non è corretto effettuare qualsiasi previsione di sviluppo di TMD sulla base della presenza o assenza di una malocclusione anche se, in alcuni studi, la malocclusione di Classe II e stata associata a una più alta prevalenza di problematiche muscolo-tensive. Pertanto, mentre è chiara una scarsa associazione a problematiche strettamente articolari (click, blocco articolare, lussazioni), la malocclusione di Classe II in letteratura è correlata a problematiche di tipo muscolare.

inizio pagina