Home > Riviste > Minerva Stomatologica > Fascicoli precedenti > Minerva Stomatologica 2016 April;65(2) > Minerva Stomatologica 2016 April;65(2):85-96

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti
Per citare questo articolo

MINERVA STOMATOLOGICA

Rivista di Odontostomatologia e Chirurgia Maxillo-Facciale


Official Journal of the Italian Society of Odontostomatology and Maxillofacial Surgery
Indexed/Abstracted in: CAB, EMBASE, Index to Dental Literature, PubMed/MEDLINE, Scopus, Emerging Sources Citation Index


eTOC

 

ORIGINAL ARTICLES  


Minerva Stomatologica 2016 April;65(2):85-96

Copyright © 2016 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano, Inglese

Cefalea e disordini temporo-mandibolari: valutazione epidemiologica

Anna D’URSO, Emanuela SERRITELLA, Doria TOLEVSKI MESHKOVA, Giovanni FALISI, Carlo DI PAOLO

Service of Clinical Gnathology (SoCG), Head-Neck Assistance Department, Umberto I Polyclinic, “Sapienza” University of Rome, Rome, Italy


PDF  


OBIETTIVO: I Disordini Temporo-Mandibolari (TMD) e la Cefalea sono patologie strettamente correlate. Scopo di questo articolo è quello di indagare la prevalenza, l’incidenza e l’intensità della cefalea in 3304 pazienti disfunzionali afferiti presso il Servizio di Gnatologia Clinica del del Dipartimento Assistenziale Testa-Collo del Policlinico Umberto I Sapienza Università di Roma.
METODI: Si è confrontata tale popolazione disfunzionale con la popolazione generale italiana indagata prendendo come confronto un campione riferito in una recente pubblicazione. La prevalenza della cefalea nella popolazione disfunzionale è stata calcolata attraverso una proporzione tra coloro che sono risultati positivi al dolore cefalico sulla popolazione disfunzionale totale nell’intero periodo preso in considerazione. L’incidenza è stata calcolata attraverso una proporzione tra i nuovi casi di cefalea nella popolazione di TMD durante il periodo di tempo analizzato sulle persone a rischio all’inizio del periodo di tempo preso in considerazione. L’intensità del dolore cefalico è stata valutata attraverso la Verbal Numeric Scale (VNS). L’intervallo di confidenza (IC) al 95% è stato calcolato per avere una stima precisa dei dati presenti nella ricerca.
RISULTATI: Dal confronto tra G1 e la popolazione controllo non si sono evidenziate differenze significative: la prevalenza della cefalea nella popolazione disfunzionale è risultata essere del 49,5% (95%CI 47,8-51,2%) mentre nella popolazione controllo del 42,8% (95%CI 46,8-38,8%). Confrontando la popolazione generale con un sottogruppo disfunzionale di pari numerosità e di pari periodo si è riscontrata una significativa differenza in termini di prevalenza, la cefalea, infatti, è risultata essere significativamente prevalente nel gruppo disfunzionale 67,3% (95%CI 64,3-70,3%) rispetto al controllo 42,8% (95%CI 46,8-38,8%). L’ incidenza della cefalea nella popolazione disfunzionale (G1) è risultata essere del 39,49% (95%CI 37,79-41,19%); mentre nei rispettivi sottogruppi è risultata essere del 32,7% (95%CI 34,6-30,8%) in S1 e del 59,24% (95%CI 56,24-62,24%) in S2, dimostrando un incremento di incidenza nel secondo sottogruppo analizzato. Nella popolazione disfunzionale (G1) l’intensità media della cefalea è risultata severa (VNS>50). La cefalea è risultata maggiormente nel secondo sottogruppo (S2) rispetto al primo (S1): VNS 24,91 (95%CI 23,11-26,71) vs. 70,00(95%CI 67,0-73,0).
CONCLUSIONI: I dati emergenti da questa analisi confermano una relazione tra cefalea e disordini temporomandibolari e evidenziano che un paziente disfunzionale ha maggiore predisposizione verso la cefalea rispetto ad un soggetto non disfunzionale.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Serritella E, Tolevski Meshkova D, Falisi G, Di Paolo C. Headache and temporo mandibular disorders: epidemiological assessment. Minerva Stomatol 2016 April;65(2):85-96. 

Corresponding author e-mail

carlo.dipaolo@uniroma1.it