Home > Riviste > Minerva Stomatologica > Fascicoli precedenti > Minerva Stomatologica 2015 June;64(3) > Minerva Stomatologica 2015 June;64(3):117-28

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

eTOC
Per abbonarsi PROMO
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Estratti
Permessi
Per citare questo articolo

 

ARTICOLI ORIGINALI   

Minerva Stomatologica 2015 June;64(3):117-28

Copyright © 2015 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano, Inglese

Modifiche del “denture frame” in pazienti affetti da III classe scheletrica trattati con ERP e maschera facciale: studio prospettico controllato

Migliorati M. 1, Signori A. 2, Isaia L. 1, Menini A. 1, Rubiano R. 3, Aonzo E. 1, Silvestrini Biavati A. 1

1 Orthodontics Department, Genoa University School of Dentistry, Genoa, Italy; 2 Department of Health Sciences, Section of Biostatistics, Genoa University, Genoa, Italy; 3 Turin University, Turin, Italy


PDF


OBIETTIVO: Lo scopo di questo studio prospettico controllato è stato quello di analizzare a breve termine i risultati cefalometrici del trattamento, in accordo con le analisi del denture frame proposte da Sato, grazie all’espansore rapido (ERP) e la terapia con maschera facciale (MF).
METODI: Un gruppo di 21 pazienti con malocclusione di classe III trattato on ERP e MF (TG) è stato comparato con un gruppo controllo non trattato (CG). L’età media di trattamento è stata di 8,8 anni; la terapia è consistita in 4 settimane di attivazione (0,20 mm/die) seguite da 14 ore giornaliere di MF per una media di 333,1 giorni. Come CG sono stati usati quelli pubblicati da Tanaka & Sato. I valori cefalometrici pre- e post-trattamento sono stati comparati ed analizzati statisticamente con un t-test. È stato considerato statisticamente significativo un valore di P<0,05.
RISULTATI: Per quasi tutti i parametri le differenze tra i valori pre- e post-trattamento sono risultate significativamente diverse rispetto a quelle osservate nel CG. Per quanto riguarda i valori del piano occlusale convenzionale (POC) è stata rilevata una differenza rispetto al gruppo di controllo ma questo non è statisticamente significativo (P=0,067) mentre per il piano occlusale anteriore (POA) nessuna differenza è stata osservata.
CONCLUSIONI: Questo studio ha rivelato un incremento dell’angolo intermascellare durante il trattamento con MF e ERP, un aumento nell’inclinazione del piano occlusale posteriore rispetto il piano di Francoforte e un adattamento postero-inferiore della mandibola.

inizio pagina