Home > Riviste > Minerva Stomatologica > Fascicoli precedenti > Minerva Stomatologica 2012 May;61(5) > Minerva Stomatologica 2012 May;61(5):213-24

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

eTOC
Per abbonarsi PROMO
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

 

REVIEW   

Minerva Stomatologica 2012 May;61(5):213-24

Copyright © 2012 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano, Inglese

I benefici della chirurgia piezoelettrica nella chirurgia orale e maxillo-facciale. Revisione della letteratura

Itro A. 2, Lupo G. 1, Carotenuto A. 2, Filipi M. 2, Cocozza E. 2, Marra A. 2

1 School of Maxillofacial Surgery, Naples, Italy; 2 Second University, Naples, Italy


PDF


La chirurgia piezoelettrica si basa sull’impiego di ultrasuoni per il taglio dell’osso. Rappresenta una tecnica innovativa, in quanto offre al chirurgo maxillo-facciale la possibilità di effettuare precise incisioni ossee senza ledere i tessuti molli, riducendo al minimo l’invasività della procedura chirurgica, e di lavorare in un campo quasi totalmente esangue. Riduce così l’impatto sui tessuti molli (vasi e nervi) che si trovano adiacenti alle zone di trattamento. Rispetto alle metodiche tradizionali, permette di ottenere una guarigione ottimale, poiché riduce il gonfiore ed il disagio postchirurgico. In questo articolo gli autori realizzano una revisione della letteratura.

inizio pagina