Home > Riviste > Minerva Stomatologica > Fascicoli precedenti > Minerva Stomatologica 2010 January-February;59(1-2) > Minerva Stomatologica 2010 January-February;59(1-2):33-43

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

eTOC
Per abbonarsi
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Estratti
Permessi

 

REVIEW   

Minerva Stomatologica 2010 January-February;59(1-2):33-43

Copyright © 2010 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese, Italiano

Segni orali nella diagnosi della malattia celiaca: una revisione della letteratura

Giuca M. R. 1, 2, Cei G. 1, Gigli F. 1, Gandini P. 1

1 Department of Surgery, Section of Dentistry, University of Pisa, Pisa, Italy; 2 Pedodontic Division, University of Dentistry, University of Pisa, Pisa, Italy; 3 Orthodontic Division, University of Dentistry, University of Pavia, Pavia, Italy


PDF


Scopo dello studio è stato quello di investigare, attraverso una revisione sistematica della letteratura, la relazione esistente tra la malattia celiaca e alcune lesioni del cavo orale al fine di definire l’importanza di uno screening odontoiatrico per la diagnosi precoce di malattia celiaca. La revisione sistematica della letteratura è stata svolta attraverso l’utilizzo del database di Medline (Entrez PubMed). La ricerca, che copre il periodo che intercorre tra il 1972 e il 2009, ha evidenziato 382 articoli. Sulla base dei criteri di inclusione e di esclusione sono stati selezionati 29 lavori scientifici. Dagli articoli selezionati è stata poi svolta, attraverso la bibliografia, una ricerca manuale che ha permesso di ottenere altri 17 articoli. In questo studio l’attenzione è stata focalizzata sulle affezioni orali in pazienti affetti dalla forma atipica di celiachia. La revisione sistematica della letteratura ha evidenziato una correlazione tra alcune manifestazioni orali e la malattia celiaca. Esistono evidenze scientifiche che sostengono la correlazione tra la celiachia e alcuni difetti del cavo orale. L’incidenza dei segni orali nei pazienti celiaci ha portato gli odontoiatri a svolgere un importante ruolo nello screening della malattia celiaca che, se non diagnosticata e trattata con una dieta priva di glutine, può portare alla comparsa di tumori su base maligna.

inizio pagina